Italia

Maratona Telethon sulla Rai, una settimana per la ricerca

  • Abbonati
  • Accedi
dal 16 al 23 dicembre

Maratona Telethon sulla Rai, una settimana per la ricerca

Non «un'operazione qualsiasi di raccolta fondi» ma un momento in cui Rai e il Paese «si mettono insieme per dire che preoccuparsi per gli altri ha un senso, fare le cose insieme produce effetti e investire nella ricerca cambia la vita delle persone». Nelle parole di Monica Maggioni si presenta così la 28/a edizione della maratona televisiva Telethon in onda sulle reti Rai dal 16 al 23 dicembre. La partnership, nata nel 1990 per dare voce e sostenere i bambini e le famiglie che si trovano ad affrontare una malattia genetica rara, ha permesso di investire in ricerca quasi 500 milioni di euro finanziando oltre 2.620 progetti con oltre 1.600 ricercatori coinvolti e più di 570 malattie studiate.

«È un grande esempio di lavoro di squadra e di servizio pubblico che ha consentito di portare la ricerca nelle case degli italiani - ha detto il presidente di Telethon, Luca di Montezemolo -. Una ricerca che attrae studiosi stranieri all'opposto di quanto succede in Italia». Una missione scientifica fatta «di impegno quotidiano e fallimenti, ingredienti necessari per raggiungere la meta» secondo la dg della Fondazione,Francesca Pasinelli. Dunque «servono pervicacia e generosità per continuare a salvare vite umane».

Ci sarà anche Fabrizio Frizzi
In diretta dall'Auditorium Rai, che anche quest'anno ospiterà lo studio Telethon, la maratona televisiva inizierà con «Il mondo a colori: una serata per Telethon», uno show di spettacolo e performance artistiche condotto da Antonella Clerici, in onda dalle 20.30 di sabato 16 dicembre su Rai1. Tra gli ospiti della serata, come annunciato dal direttore della rete Angelo Teodoli, ci sarà anche Fabrizio Frizzi, che ha ripreso a registrare le puntate de L'Eredità dopo il malore accusato quasi due mesi fa. Nel corso de “Il mondo a colori: una serata per Telethon” sarà inoltre proiettato il cortometraggio “Ci vuole un fiore”, di Edoardo De Angelis, con Luisa Ranieri nel ruolo di una ricercatrice Telethon, che si occupa di talassemia. I momenti di talk, con ricercatori e pazienti, e la proiezione di cortometraggi inediti si alterneranno a performance di spettacolo ispirate a temi specifici della serata, con il coinvolgimento di artisti con disabilità e la partecipazione diretta di pazienti. Tanti racconti che contribuiranno a informare e sensibilizzare il pubblico sulle malattie genetiche rare e sull'importanza di sostenere la ricerca scientifica. La seconda serata sarà condotta da Gigi e Ross, con la musica dell'orchestra di Paolo Belli. Lo studio Telethon spegnerà i suoi riflettori sabato 23 dicembre e vedrà alternarsi alla conduzione della diretta nomi di noti della Rai e non, tra cui: Arianna Ciampoli, Paolo Belli, Caterina Balivo, Flora Canto e Enrico Brignano, Flavio Insinna, Gigi e Ross, Elisa Isoardi, Tiberio Timperi, Fede e Tinto.

Numero solidale 45518
Inviati speciali della maratona Telethon saranno Federica de Denaro e Lorenzo Branchetti. Tante trasmissioni di Rai1, Rai2 e Rai3 sosterranno la Fondazione Telethon con lanci del numero solidale 45518, sensibilizzando il pubblico sull'importanza della ricerca scientifica nel combattere le malattie genetiche rare. Coinvolte anche la radio, i canali social della Rai e la Tgr. «La Rai può fare uno sforzo in più: questa è la vetrina, ma i medici di Telethon lavorano 365 giorni all'anno», ha detto il dg Mario Orfeo annunciando che alla conclusione della settimana di programmazione verrà studiato «un piano per essere vicini a Telethon tutto l'anno».

© Riproduzione riservata