Italia

Cinecittà, entro il 2018 il nuovo museo. Franceschini:…

  • Abbonati
  • Accedi
i progetti per il prossimo triennio

Cinecittà, entro il 2018 il nuovo museo. Franceschini: tornerà ai fasti degli anni d’oro

Il ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Dario Franceschini e il presidente di Cinecittà, Roberto Cicutto
Il ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Dario Franceschini e il presidente di Cinecittà, Roberto Cicutto

«In qualche anno prevedo che Cinecittà tornerà ai fasti degli anni d’oro». A dirlo il ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini, in occasione della presentazione del progetto Cinecittà Futura presso i Cinecittà Studios a Roma. «Di Cinecittà - ha detto Franceschini - se ne è parlato tanto negli anni per i problemi. Ora che tutto va bene non si dice nulla». Elencando le molte novità degli ultimi mesi, Franceschini, accompagnato dal presidente Roberto Cicutto, ha ricordato che «nella norma di legge con cui Cinecittà è tornata al pubblico, è previsto, per legge, il coinvolgimento della Rai.

Questa, quindi, diventerà una cittadella del cinema e dell’audiovisivo con molte prospettive di crescita. Ci sarà poi una collaborazione ancora più stretta con il Centro sperimentale di cinematografia. E poi il Tax credit. Prevedo per Cinecittà - ha proseguito - uno sviluppo che in qualche anno la farà tornare ai fasti degli anni d'oro. Prima della fine della Legislatura - ha aggiunto ancora nel corso della visita - arriveranno altre risorse dal Cipe e dai fondi europei, importanti, sul patrimonio»

Cicutto: entro il 2018 il nuovo Museo
Il presidente di Cinecittà, Roberto Cicutto, nel corso della presentazione dei progetti del prossimo triennio, ha annunciato che entro fine anno aprirà il nuovo MIAC - Museo Italiano dell’Audiovisvo e del Cinema negli ex Laboratori di sviluppo e stampa di Cinecittà. Il Museo, polifunzionale, avrà una superficie di 4 mila metri quadrati, ospiterà un’esposizione permanente sull'immaginario degli italiani nel XX e XXI secolo e l’evoluzione della nostra società vista con le lenti del cinema, della Tv, degli audiovisivi, tra filmati e fotografie dai maggiori archivi e cineteche del paese, video installazioni, materiali audio, oggetti di scena, testi, macchinari. E ancora, ospiterà mostre temporanee, una biblio-videoteca e laboratori didattici. Nell'abito del MIAC sarà anche promosso un Laboratorio di conservazione e restauro per tutelare la sopravvivenza dei
capolavori del passato.

Franceschini: ecco 5 nomi Commissione qualità
Il ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini, nel corso della visita agli studios di Cinecittà, ha annunciato anche di aver firmato questa mattina ho firmato il decreto di nomina dei cinque esperti per la selezione dei progetti e per la concessione di contributi selettivi al settore cinematografico. I cinque nomi sono: Paolo Mereghetti, Marina Cicogna, Pupi Avati, Enrico Magrelli, Daria Bignardi. «La commissione - ha spiegato il ministro - giudicherà quella quota del 18% che resta fuori dal sistema degli automatismi del Tax credit e che è dedicata ai giovani, alle opere prime e ai film difficili». I componenti
scelti tra personalità «di chiara fama» rimarranno in carica per tre anni, a titolo gratuito, e valuteranno, dice il decreto, «in relazione alla qualità artistica o al valore culturale dell'opera»

© Riproduzione riservata