Italia

Cinquanta firme per difendere il mare: nasce la Fondazione One Ocean

  • Abbonati
  • Accedi
ambiente

Cinquanta firme per difendere il mare: nasce la Fondazione One Ocean

Cinquanta firme possono anche sembrare poche, tuttavia sono solo le prime e il loro peso specifico è cospicuo. Oggi a Milano, presso il teatro Parenti, i principali yacht club, circoli velici, la Federazione Italiana Vela, le industrie più influenti hanno firmato la Charta Smeralda, un documento che descrive un codice etico voluto dallo Yacht Club Costa Smeralda per la presentazione pubblica di One Ocean Foundation. Non solo attività, regate e grande mondanità, ma una presa di coscienza e una chiamata alle armi. Dopo il Forum organizzato quattro mesi fa, adesso il club vuole che la sua attività sia corale e continua. Il primo firmatario, per mano del presidente Nico Reggio, è stato lo Yacht Club Italiano che condivide con quello sardo il piacere e la responsabilità di organizzare in Italia le regate più importanti, ha firmato la Società Velica di Barcola e Grignano che organizza la Barcolana.

Quello di sua altezza Zahra Aga Khan presidente del club e del Commodoro Riccardo Bonadeo è un duetto che diventa un coro di tutti «il mare ci ha dato tanto divertimento, passione, libertà e adesso dobbiamo restituire qualcosa. Il mare ha bisogno di noi». I grandi imprenditori con interessi nella nautica come Luca Bassani, Pigi Loro Piana, Leonardo Ferragamo non si sono sottratti. Così come il WWF con la presidente Donatella Bianchi o Prada e Luna Rossa con Patrizio Bertelli e lo skipper Max Sirena.

I dati presentati sull'inquinamento da materie plastiche sono impressionanti. Solo nel Mediterraneo sono presenti 1,2 milioni di microplastiche (frammenti inferiori a 5mm) per chilometro quadrato, che risulta essere una delle concentrazioni più alte al mondo. A livello globale si stima che gli oceani siano inquinati da circa 300 mila tonnellate di plastica, di cui la maggior parte galleggia sulla superficie in oltre 5000 miliardi di pezzi. Nemmeno gli abissi oceanici, come la Fossa delle Marianne, la più profonda depressione oceanica conosciuta al mondo, sono immuni: nel 100% dei campioni di specie animali prelevate in queste acque e analizzate dai ricercatori sono state trovate tracce di plastica. Una situazione che non sembra poter migliorare tanto in fretta.

La principessa ha aggiunto: «Essere già a questo punto, a soli pochi mesi dal Forum, è un fatto straordinario. Insieme a tutte le realtà che a diverso titolo abbracciano la Fondazione stiamo lavorando in un'ottica “There Is Only One Ocean”. La velocità con cui stiamo portando avanti questo progetto è un segnale da cogliere, guardando alla prossima edizione del Forum, a cui vogliamo arrivare con grandi risultati. Il segnale è che il Mondo vuole questa rivoluzione; il Mondo vuole salvare il mare, e noi vogliamo provare a fare la nostra parte».

© Riproduzione riservata