Motori24

Dossier Formula E, le gare «alla spina» dalla A alla Z

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 36 articoliSpeciale Formula E: gare, macchine e tecnologia

Formula E, le gare «alla spina» dalla A alla Z

Campionato monoposto elettriche
La Formula E è il campionato mondiale di monoposto da corsa completamente elettriche promossa dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA). L'ideatore della serie è stato l'imprenditore spagnolo Alejandro Agag, ora presidente del Campionato di Formula E. La prima stagione è stata quella del 2014, prendendo il via dalla gara di Hong Kong. Ora è si è giunti alla quarta stagione.

Dieci team e venti piloti in griglia
Nella quarta stagione sono presenti in griglia 10 team, ciascuno dei quali ha due piloti, per un totale di 20 concorrenti. Da maggio 2016 Enel è Official Power Partner del campionato e da gennaio 2018 ABB è il nuovo title partner di Formula E. Tra i partner sono presenti anche Julius Bär, Michelin, Tag Heuer, Qualcomm, Dhl, Bmw, Visa, Allianz, Boss e Maison Mumm.

Circuiti cittadini
La quarta stagione prevede 12 ePrix in circuiti cittadini in 10 città. La prima sfida di questa stagione si è svolta a Hong Kong il 2 dicembre 2017 e l'ultima sarà a New York il 17 luglio 2018. Tra le importanti novità di quest'anno, l'entrata in calendario dell'appuntamento italiano a Roma il 14 aprile, che sarà anche la pista più lunga con 2,86 chilometri.

Due generazioni e più autonomia
Nelle prime quattro stagioni le monoposto utilizzate montano un motore da 200 kWh (270 cavalli) e una batteria da 28 kWh che permette di percorrere metà della gara per poi fermarsi per il cambio auto. Dal prossimo anno, le auto di seconda generazione avranno un motore elettrico da 250 kWh (340 cavalli) abbinato ad una batteria da 54 kWk, che darà la possibilità di evitare il pit stop fino a ora obbligatorio a metà gara.

Impegni e annunci delle case automobilistiche
Sono ormai sempre di più i costruttori entrati nel campionato di Formula E, tra cui Audi, Jaguar, Ds e Renault. E altri sono già pronti per entrare la prossima stagione, come Porsche, Mercedes, Bmw e Nissan che subentrerà a Renault. Questo è un segnale importante non solo circoscritto al campionato ma anche riguardo le intenzioni per il mercato: il motorsport è un Lab delle tecnologie che tra qualche tempo diverranno di massa.

© Riproduzione riservata