Italia

Frida Kahlo sulle «torri bianche» in occasione di Milano Food City

  • Abbonati
  • Accedi
A Milano Gratosoglio

Frida Kahlo sulle «torri bianche» in occasione di Milano Food City

Natura morta con pappagallo e frutta. Crediti: © Banco de México Diego Rivera Frida Kahlo Museums Trust, Mexico, D.F. by SIAE 2018
Natura morta con pappagallo e frutta. Crediti: © Banco de México Diego Rivera Frida Kahlo Museums Trust, Mexico, D.F. by SIAE 2018

Tanti momenti d'animazione e aggregazione nel progetto promosso da Confcommercio Milano e Comune di Milano. Evento realizzato con la collaborazione di Mudec e 24 Ore Cultura, il sostegno di Urban Up (Gruppo Unipol) e l'attivo coinvolgimento della parrocchia, delle scuole
e delle realtà associative di quartiere. “Cultura, profumi e sapori al Gratosoglio”: dal 10 al 13 maggio il quartiere porta d'ingresso della città a sud di Milano diventa un museo a cielo aperto con la proiezione, sulle quattro torri bianche, di alcune fra le più significative opere di Frida Kahlo in mostra al Mudec fino al 3 giugno.

“Cultura, profumi e sapori al Gratosoglio” (Frida Kahlo. Oltre il Mito. Racconto di una mostra”) è un evento promosso da Confcommercio Milano e Comune di Milano, realizzato con la collaborazione di Mudec e 24 Ore Cultura, il sostegno di Urban Up - il progetto sviluppato dal Gruppo Unipol dedicato alla riqualificazione immobiliare degli edifici di proprietà del Gruppo e finalizzato alla valorizzazione di alcuni fra i più importanti immobili del parco architettonico italiano – e il supporto di A2A e Amsa.

Natura morta con pappagallo e frutta. Crediti: © Banco de México Diego Rivera Frida Kahlo Museums Trust, Mexico, D.F. by SIAE 2018

Uno spettacolo di luci con le proiezioni sui palazzi, musica ed essenze profumate. Per quattro sere, dalle 21 alle 23.30, il Gratosoglio, nella sua “piazza senza nome”, vivrà l'atmosfera e le suggestioni del Messico di Frida Kahlo. Ma non solo: nei giorni e nel segno di Milano Food City, non mancheranno per il pubblico cibo e sapori grazie allo street food (con gli operatori di Apeca, l'Associazione ambulanti della Confcommercio milanese).

«È con molto piacere che 24 Ore Cultura affianca il Comune di Milano nelle iniziative che diffondono nelle piazze, nei quartieri, nelle periferie la cultura e l'arte in quanto strumenti di coesione sociale e di miglioramento della qualità della vita, così come lo è il cibo, la forma di cultura e di aggregazione più diretta e spontanea tra gli uomini. Per questo abbiamo pensato di portare fuori, in piazza, la cultura e l'arte messicana per eccellenza, quella di Frida Kahlo, in mostra al Mudec fino al 3 giugno, perché crediamo che i valori trasmessi dall'arte dovrebbero sempre raggiungere più persone possibili, ed un progetto come questo, che vede nel cibo il collante ecumenico ideale, costituisce un'occasione perfetta», ha detto Franco Moscetti, amministratore delegato del Gruppo 24 Ore e presidente di 24 Ore Cultura, oggi alla presentazione di Milano Food City a Palazzo Marino. «Condividiamo con il sindaco Sala l'ossessione per le periferie. Riuscire a migliorare queste zone trascurate di Milano sarebbe un grandissimo risultato», ha aggiunto Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio. «Quest'anno l'iniziativa sarà ulteriormente diffusa in tutta la città toccando quartieri in centro e in periferia, come il Gratosoglio, dove saranno protagonisti i giovani e le immagini della bellissima mostra di Frida Kahlo al Mudec», ha concluso il Sindaco Beppe Sala.

Le proiezioni dei dipinti di Frida Kahlo accompagnate dalla musica (tratta dalla colonna sonora del film “Frida”) e con le “note profumate” di Accademia del Profumo con Atelier Fragranze Milano, sono un progetto a cura dello scenografo Sebastiano Romano e dello Studio Comunicazione & Immagine Mariella Di Rao; la realizzazione tecnica è di Roadie Music Service (di Salvatore Oliva). Gli effetti di luci sulle quattro torri bianche del Gratosoglio saranno possibili grazie a quattro video proiettori da 20mila Ansi lumen; 12 proiettori motorizzati creeranno in alternanza luci sagomate e proiezioni di disegni in movimento sul suolo e nei prospetti architettonici vicini.

Cultura, profumi e sapori come momento di convivialità, socialità e integrazione per il Gratosoglio. Inaugurazione la sera del 10 maggio con una festa (predisposto un catering per l'aperitivo) aperta al quartiere. Gratosoglio che, in quei giorni, verrà coinvolto da tanti momenti d'animazione: concerti, danze, iniziative con le scuole per i bambini. Tra questi, con l'aiuto di Mudec e 24 Ore Cultura, verranno anche realizzati laboratori per i bambini che potranno colorare le “calaveras”, tipiche mascherine messicane. Per un momento giocoso nel segno di Frida.

© Riproduzione riservata