Motori24

Dossier Tesla, arrivano le varianti integrali della Model 3

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 23 articoliElettrica, autonoma e condivisa: ecco come cambia l’automobile

Tesla, arrivano le varianti integrali della Model 3

Tesla produrrà due varianti della Model 3 (cioè la media premium della marca californiana oggetto di polemiche per i ritardi nelle consegne)
Entrambe le variante hanno trazione integrale e con un motore elettivo aggiuntivo, nel primo caso si dovrebbe trattare di un ampliamento della gamma attuale, l'altro, invece, disporrà di un “upgrade” di potenza garantito dal pacchetto Performance che ne farà una vera e propria versione aggiuntiva. La prima delle due varianti, non a caso, utilizzerà lo stesso motore da 258 cv, ma in aggiunta disporrà anche di una seconda unità sempre elettrico che intervenendo sull'assale anteriore servirà a garantire alla vettura la trazione sulle quattro ruote.

Tesla non ha ufficializzato il complessivo di “cavalleria” a disposizione, ma ha solo anticipato che la nuova variante accelererà da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi, 1,1 secondi più veloce rispetto alla versione a trazione posteriore e che è accreditata di una velocità massima di 225 km/h con un'autonomia che sfiora sempre i 500 km.

Per quanto riguarda la Model 3 più votata alle prestazioni, Tesla ha spiegato che sarà in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in circa 3,5 secondi e avrà una velocità massima di 250 km/h, grazie soprattutto al pacchetto Performance offerto standard. Secondo lo stesso Musk, la Model 3 a più alte prestazioni avrà un prezzo di circa 78.000 dollari, incluse tutte le opzioni, ma senza il sistema di guida semi-autonomo che resterà in opzione. Insomma più del doppio della versione base e comunque a un livello che conferma che laTesla Model 3 non è un’elettrica per il mercato di massa,

Musk ha poi aggiunto che sarà “il 15% più veloce e garantirà con una migliore maneggevolezza rispetto alla Bmw M3 oltre ad essere in grado di battere qualsiasi altro concorrente in pista”. Affermazione, ovviamente, da verificare.
L'apertura degli ordini per le due nuove varianti sarà avviata a breve, mentre l'inizio della produzione è stato fissata per luglio.

© Riproduzione riservata