Lifestyle

Mondiali 2018: il Belgio chiude terzo, 2-0 all'Inghilterra

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Mondiali 2018: il Belgio chiude terzo, 2-0 all'Inghilterra

  • –a cura di Datasport

Il Mondiale del Belgio si chiude al terzo posto. Nella finalina di San Pietroburgo, i Diavoli Rossi piegano 2-0 l'Inghilterra grazie ai gol di Meunier e Hazard e ottengono il loro primo podio nella manifestazione, mentre i Tre Leoni chiudono al quarto posto come ad Italia 1990. Decisiv le reti al 4' del terzino del Paris Saint-Germain e del capitano degli uomini di Martinez. Niente gol per Lukaku e Kane: l'attaccante del Tottenham, a meno di goleade in Francia-Croazia, sarà il capocannoniere del torneo.   La partita si sblocca subito: dopo 4', Hazard serve Chadli, che dalla sinistra fa partire un cross tramutato in rete dalla diagonale di Meunier, che con il destro anticipa rose e buca Pickford. Il gol è un vero e proprio colpo netto alle ambizioni dell'Inghilterra, che non fa altro che sbattere contro il muro al limite dell'area eretto dai difensori del belgio e da Witsel e Tielemans. L'unica occasione per gli uomini di Southgate arriva con la conclusione dalla distanza di Delph, ma è facile la parata di Courtois. Nella ripresa, il tecnico inglese inserisce subito Lingard e Rashford per aumentare la pericolosità offensiva, ma Kane gioca a nascondino e i due gioielli del Manchester United non accendono la luce. Al 60', esce di scena l'altro spettatore non pagante: Romelu Lukaku, che oltre a due controlli sbagliati davanti a Pickford non fa nulla per tentare di accorciare le distanze da Kane. La sfida si chiude all'82': contropiede di Mertens e De Bruyne, con il centrocampista che serve Hazard. Jones buca l'intervento e spedisce il capitano dei Diavoli Rossi davanti a Pickford, battuto con un preciso diagonale. E' la giocata che pone fine al match: il Belgio sale per la prima volta sul podio di un Mondiale, mentre l'Inghilterra chiude al quarto posto come ad Italia '90. Ma, dopo questo Mondiale, la reputazione delle due Nazionali, da sempre eterne incompiute, è cambiata in positivo.