Italia

1/5 Quando il tempo del lavoro non conta

  • Abbonati
  • Accedi
    Lavori in casa

    Come sopravvivere in agosto alla rottura di un rubinetto, senza svuotare il portafogli

    Mezza giornata di ricerche, 5 preventivi, uno slalom per evitare le insidie e due appuntamenti. E' il percorso accidentato che si presenta davanti al cittadino che, malauguratamente, deve sostituire il rubinetto della cucina in pieno agosto. Perché, se la rete da un lato offre la possibilità di contattare in breve tempo un ampio numero di professionisti, dall'altro moltiplica i rischi di incappare in preventivi “fuori misura”. Succede così che per lo stesso lavoro, il costo possa oscillare da 70 a 220 euro. E sì, tre volte tanto perché, come spiegano i professionisti più previdenti, il rischio si annida dietro ad ogni lavoro. Può capitare, per esempio, che il rubinetto si rifiuti di abbandonare il lavandino o rivendichi un preavviso prima del pensionamento. Davanti a queste insidie, insomma, qualche idraulico si protegge e il costo del lavoro – incredibilmente - si moltiplica per tre. Il mondo, però, è vario e non mancano i professionisti che, sprezzanti del pericolo, applicano tariffe di mercato sfidando la sorte. Ecco la cronaca di una faticosa ricerca.

    1/5 Quando il tempo del lavoro non conta

    Il primo sito visitato è idraulicomilano.it. Chiamiamo il numero segnalato e spieghiamo il servizio richiesto: la sostituzione del rubinetto della cucina con un prodotto nuovo, già acquistato; dunque solo la manodopera. L'appuntamento viene fissato e il tecnico arriva puntualissimo. In pochi minuti verifica il lavoro da fare e presenta il costo: 220 euro più Iva. Chiediamo maggiori chiarimenti per capire se il prezzo dipende dalla durata del lavoro, ma il tecnico risponde che il tempo impiegato - non più di un'ora ci dice – non definisce il prezzo, che è invece legato al tipo di lavoro svolto. Quando contestiamo il preventivo ci chiede quanto siamo disposti a pagare, affermando però, poco dopo, di non poter scendere al di sotto dei 200 euro. Rifiutiamo il servizio, ci lamentiamo per il prezzo fuori mercato e chiediamo la fattura per l'uscita. Il tecnico ci risponde allora che ci arriverà via mail. Contestiamo la procedura, spiegando che il pagamento avverrà solo alla presentazione della fattura. Il tecnico fa una telefonata per accelerare l'emissione del documento e la fattura (di 36,60 euro) arriva in un quarto d'ora. E' intestata a un'impresa di costruzioni di Peschiera Borromeo.

    © Riproduzione riservata