Italia

Dossier La tragedia di Genova anticipa l’agenda parlamentare

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 45 articoliGenova, tutto sul crollo del ponte Morandi

La tragedia di Genova anticipa l’agenda parlamentare

Il crollo del ponte Morandi di Genova anticipa l’agenda parlamentare. Almeno per i 45 componenti della commissione Ambiente della Camera e i 23 senatori della commissione Lavori pubblici di Palazzo Madama, che lunedì prossimo, 27 agosto, sono stati convocati per ascoltare il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che riferirà sulla tragedia che ha colpito il capoluogo ligure. Ad eccezione di questi 68 parlamentari che avranno le ferie estive ridotte a 20 giorni, gli altri colleghi inizieranno a ritornare da martedì 4 settembre (per i lavori in Commissione), mentre martedì 11 riprenderanno anche le Aule di Montecitorio e Palazzo Madama.

La Camera parte dal Milleproroghe
Se non ci fosse stato il crollo del ponte di Genova, a riaprire i battenti per prime sarebbero state il 4 settembre la commissione Affari costituzionali e quella Bilancio della Camera, con all’ordine del giorno l’esame del decreto Milleproroghe “estivo” (che scade il 24 settembre), già approvato dal Senato prima della chiusura della pausa estiva (iniziata martedì 7 agosto sia per le commissioni che per le Aule). Sempre il 4, ma nel pomeriggio, la Commissione Difesa di Montecitorio ha in appuntamento la revisione dei ruoli delle Forze di polizia. Al Senato, al momento la maggior parte delle commissioni non hanno ancora indicato il calendario della riapertura, ma dal 3 al 6 settembre dovrebbero iniziare le prime riunioni.

GUARDA IL VIDEO/Genova, Toninelli: «Chi ha sbagliato pagherà»

Aule al lavoro dall'11 settembre
Anche l’anno scorso il caso Regeni “costrinse” le commissioni ad anticipare il rientro dalla pausa estiva. L’attività del Parlamento inizierà quest’anno a pieno regime da martedì 11 settembre, quando si riuniranno anche le Aule di Palazzo Madama e Montecitorio. Alla Camera sono in discussione una serie di mozioni per il rientro delle imprese che hanno delocalizzato la produzione all’estero, nonché sull’implementazione del reddito di inclusione. A seguire, nel pomeriggio, la discussione generale sul decreto Milleproroghe. Al Senato, invece, alla ripresa, all’ordine del giorno c’è la discussione sull’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta su sicurezza, emergenza e ricostruzione, dal terremoto dell’Aquila 2009 ai successivi eventi sismici, nonché sull’istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio.

© Riproduzione riservata