Italia

Ponte Genova, Di Maio all’attacco: «A giorni un esposto per…

  • Abbonati
  • Accedi
gli intrecci fra concessionari e politica

Ponte Genova, Di Maio all’attacco: «A giorni un esposto per danno erariale»

Un esposto per danno erariale contro gli ex governi da presentare alla Corte dei Conti entro «pochi giorni». «Chi ha fatto la concessione regalo ad Autostrade e chi non l'ha annullata ha causato un danno alle casse dello Stato sarà denunciato alla Corte dei conti per danno erariale: siamo già al lavoro per questo», ha scritto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio in un intervento pubblicato sul blog delle Stelle dedicato agli intrecci tra concessionari dello Stato e “malapolitica dei vecchi partiti”.

«Fuori i prenditori di soldi dallo Stato»
E mentre fonti di governo confermano l’iniziativa sul danno erariale e spiegano che Di Maio ha già parlato con alcuni avvocati, secondo i quali ci sono i margini per presentare l'esposto al procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio («Stiamo preparando l'esposto che sarà pronto in pochi giorni», dicono) il vicepremier sul blog scrive: «Fuori i prenditori di soldi dallo Stato». E definisce i concessionari «i prenditori» che «hanno preso possesso delle infrastrutture italiane, pagate dai nostri nonni e dai nostri padri, e grazie a politici compiacenti le hanno trasformate in macchinette mangiasoldideicittadini». E scrive che «chi stava al governo li ha sempre protetti», citando una frase dell'ex segretario del Pd Matteo Renzi. «I privilegi dei prenditori vengono pubblicati e saranno eliminati», scrive ancora chiedendo per trasparenza «ai Benetton di pubblicare i nomi di tutti i politici e tutti i giornali finanziati nel corso di questi anni».

GUARDA IL VIDEO - Convenzione Autostrade, ecco tutti i numeri in chiaro

La rendita garantita del 7%
Scrive ancora che ora «tutti gli italiani sanno che la concessione di autostrade ai Benetton è stata un regalo clamoroso che ha consentito loro di fare gli imprenditori non con il loro capitale, ma con quello dei cittadini. Il contratto prevedeva infatti una rendita garantita del 7%: una rendita spropositata! L'imprenditore a rischio zero è un'invenzione tutta italiana».

Toninelli: Autostrade metta i soldi, ama il ponte lo costriamo noi
«Autostrade i soldi li mette, ma lo ricostruiamo noi il ponte». A ribadirlo ai microfoni di Radio Anch'io è stato il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, tornando a parlare della ricostruzione del ponte di Genova. «Che Autostrade debba ricostruire il ponte è scontato in termini risarcitori - ha detto - Sugli immani danni morali e civili è normale che debba mettere i soldi, ma è altrettanto normale che non possa ricostruire. Sarebbe irrispettoso nei confronti delle famiglie e dei cittadini». Quello della ricostruzione del ponte Morandi crollato il 14 agosto a Genova è un tema complesso.

Revocare o rinegoziare le convenzioni
Ieri il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli in audizione a Montecitorio dinanzi alle commissioni Ambiente e Lavori pubblici di Camera e Senato ha un po’ frenato e ha parlato di «revocare o rinegoziare» le convenzioni autostradali in essere , vagliandole in base a un unico criterio, quello dell’interesse pubblico. ha parlato di «convenzioni serie e scupolose in cui ci guadagnino tutti». Oggi saranno rese pubbliche tutte le 25 convenzioni autostradali attive. Certamente saranno potenziate le ispezioni, perché secondo quanto dichiarato dal ministro «nel periodo 2008-2017 manca il 35% degli investimenti previsti». Si valuta anche il ripristino dell’Agenzia prevista dalla legge, ma mai istituita, per assicurare una stretta vigilanza sul rispetto dei vincoli imposti dalla convenzione.

L’archistar Renzo Piano dona un progetto a Genova
Intanto il celebre architetto e senatore a vita Renzo Piano è arrivato in Regione Liguria, entrando da un accesso secondario per evitare i media presenti in piazza De Ferrari per un colloquio con il governatore e commissario per l'emergenza Giovanni Toti. Membri del suo staff avevano già trasportato un grande plastico negli uffici della Regione: «Renzo Piano si è offerto volontariamente, da genovese competente nel campo, di regalare alla città un progetto per il rifacimento del ponte Morandi. Noi abbiamo accettato volentieri l'aiuto, qualche idea ce l'ha già proposta», ha detto il governatore Giovanni Toti al termine dell'incontro con l'archistar Renzo Piano.

Toti, in corso contatti tra Autostrade, Cdp e Fincantieri
Il presidente della Regione Liguria e commissario per l'emergenza Giovanni
Toti intanto svela un retroscena per la ricostruzione del ponte Morandi ai microfoni dell'emittente tv ligure 'Primocanale' sulla volontà del Governo di affidare la ricostruzione a un'azienda di Stato: «Per non mentire dico che tutti
sanno che sono già in corso contatti tra Società Autostrade, che ha la titolarità di ponte Morandi, io non gliela posso espropriare, forse Di Maio sì, e società pubbliche importanti come Cassa Depositi e Prestiti e Fincatieri».

Nessun indagato per il crollo
Al momento non c'è alcun indagato per il crollo del ponte Morandi di Genova perché «l'analisi della parte amministrativa dell'opera deve essere approfondita e non può esser fatta in modo superficiale, richiede tempo», ha detto il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi parlando oggi ai media.

Autostrade: M5s, chi ripaga cittadini dei pedaggi?
Stefano Buffagni, portavoce M5S e sottosegretario agli Affari regionali, chiede di ripagare i cittadini per i pedaggi pagati ad Autostrade che ha avuto in questi anni «un rendimento garantito superiore al 7%». Per Buffagni «quelle somme dovrebbero essere restituite e dovrebbero essere sanzionati sia i responsabili di quelle società che hanno usufruito di un ingiusto arricchimento, senza peraltro garantire i necessari standard di manutenzione, sia coloro i quali nei precedenti governi hanno consentito questo andazzo».

Venerdì i cda di Autostrade e Atlantia
Intanto i consigli di amministrazione di Autostrade per l'Italia e della controllante Atlantia si riuniranno venerdì 31 agosto. Lo si apprende da fonti vicine al
dossier. All'ordine del giorno l'approvazione della risposta di
Autostrade richiesta dal Ministero delle infrastrutture e
trasporti nella lettera con cui ha avviato la procedura per la
decadenza della concessione. Il Ministero aveva dato 15 giorni
per fornire una dettagliata relazione per dimostrare se e come
ha agito sulla manutenzione del ponte Morandi a Genova.

Autostrade finanzia “trasloco” delle aziende
Intanto il sindaco di Genova Marco Bucci ha annunciato che Società Autostrade finanzierà il “trasloco” di sei-sette aziende della zona rossa sotto il ponte autostradale Morandi crollato. Quasi 800 lavoratori di Ansaldo Energia stamani hanno potuto riprendere a lavorare nei pressi del moncone Ovest del ponte a seguito di una modifica alla zona rossa autorizzata dal sindaco attraverso un'ordinanza. «Non so se sarà possibile per le altre aziende ritornare a operare nella zona rossa - ha detto Bucci -, l'obiettivo è trovare posti alternativi dove collocare le attività provvisoriamente o definitivamente le aziende, stiamo
collaborando con tutti quanti per trovare una soluzione».

Riapre il traffico ferroviario Brignole-Quarto
Intanto fra ieri e oggi c’è stata la riapertura anticipata del traffico ferroviario di due linee ferroviarie genovesi. Ieri è stata riaperta la linea Succursale dei Giovi e oggi il binario della Genova Brìgnole-Genova Quarto. Ieri il ministro Toninelli aveva spiegato che questo «consentirà di ripristinare i collegamenti verso Arquata e Busalla con modalità in via di definizione di concerto con Regione Liguria e l'Impresa Ferroviaria Trenitalia».

© Riproduzione riservata