Lifestyle

Ötztaler, 4.500 amatori pedalano sulla più dura Granfondo…

  • Abbonati
  • Accedi
bici e passione

Ötztaler, 4.500 amatori pedalano sulla pił dura Granfondo delle Alpi

Il destino degli amatori si incrocia di nuovo con quello dei ciclisti professionisti per l’Ötztaler Radmarathon, la pił temuta delle Granfondo d’Europa. E se l’anno scorso furono i grandi nomi delle due ruote a cimentarsi con i 238 chilometri del percorso che si snoda fra le montagne di Austria e Italia (la gara dei Pro fu vinta dal ceco Roman Kreuziger) due giorni prima degli appassionati del pedale, stavolta saranno i 4.500 concorrenti impegnati oggi a portare idealmente il testimone verso i Campionati del Mondo di ciclismo su strada che si terranno a Innsbruck (cittą attraversata anche dall’Ötztaler) dal 23 al 30 settembre prossimo e che prevedono anche la partenza delle gare a cronometro dalla stessa Ötztal.

A sentire i pareri di chi ha provato il percorso della gara in linea di Innsbruck si tratterą di un Mondiale durissimo, cosģ come estremamente impegnativa č la stesa Ötztaler, giunta ormai alla trentottesima edizione. I ciclisti partiti questa mattina dal centro di Sölden alle 6.45 dovranno affrontare (senza scorciatoie, né vie di mezzo) prima la salita del Kühtai (2.020 metri di altezza), poi il Brennero (1.377) che porta i concorrenti in Italia, dove successivamente ci saranno da superare il passo del Giovo (2.090) e infine il temibilissimo Rombo (2.509 m) prima della rapida picchiata verso l’arrivo di nuovo a Sölden, nel cuore del Tirolo.

Non saranno soltanto i 5.500 metri di dislivello a preoccupare i ciclisti provenienti da 36 nazioni (ben 845 gli italiani), ma anche le condizioni del tempo, che in questo periodo č spesso capriccioso nella zona. Comunque vada, al termine della fatica ci sarą gloria e soddisfazione per tutti: dal vincitore (lo scorso anno il toscano Stefano Cecchini) capace di completare la gara in meno di 7 ore fino all’ultimo arrivato, che impiegherą invece oltre il doppio del tempo, ma come di consueto sarą atteso dal pubblico e festeggiato sul palco d’onore. Tutti per un giorno sogneranno di essere agili e scattanti come stambecchi, l’animale simbolo di questa edizione della Ötztaler.

© Riproduzione riservata