Italia

Affitti, alla scoperta del contratto “perfetto”

  • Abbonati
  • Accedi
ANTEPRIMA DEL SOLE DEL LUNEDI

Affitti, alla scoperta del contratto “perfetto”

Doppio approfondimento sugli affitti lunedì 17 sul Sole 24 Ore per aiutare i proprietari e gli inquilini a trovare la soluzione più adatta alle loro esigenze. Il primo è rappresentato dal test di rendimento tra affitti brevi e lunghi: meglio utilizzare un alloggio per locazioni “stile-Airbnb” o impegnarlo con contratti su più anni? La risposta arriva con una serie di esempi concreti per alcune città.

In generale, l'affitto breve azzera il rischio morosità rispetto al classico «4+4» e sfrutta il potenziale di attrattività turistica delle grandi città. Rispetto all'affitto “lungo”, i proprietari sono però chiamati a fare i conti con il tasso di occupazione dell'appartamento e con maggiori costi: dalle utenze alle commissioni, al gestore (se non si sceglie il fai-da-te), fino alla tassa rifiuti (che in molte città vede applicata la tariffa delle utenze per case vacanze).

Il secondo approfondimento è rappresentato dalla Guida rapida dell'Esperto Risponde dedicata al contatto a canone concordato. Una formula che punta a far quadrare il cerchio, offrendo all'inquilino un canone calmierato e incentivando il locatore con un pacchetto di sconti fiscali variabili a seconda del Comune.

Nei Comuni ad alta tensione abitativa (quelli in cui l'uso dei concordati è più frequente), l'anno scorso ogni 100 locazioni di lunga durata sono stati stipulati 47 contratti di questo tipo, di cui solo 13 nelle otto città più grandi.

© Riproduzione riservata