Italia

Migranti, 184 sbarcati a Lampedusa. Salvini: «Presto soluzione…

  • Abbonati
  • Accedi
vertice a vienna

Migranti, 184 sbarcati a Lampedusa. Salvini: «Presto soluzione con la Tunisia»

(Ansa)
(Ansa)

Nelle ultime ore 184 immigrati sono sbarcati a Lampedusa utilizzando piccole imbarcazioni. È quanto fanno sapere fonti del Viminale secondo le quali nell’accaduto «Malta, per l'ennesima volta, ha scaricato il problema sull'Italia». Il ministero dell'Interno starebbe lavorando a «soluzioni innovative e efficaci» per gestire questi arrivi. Tra queste all'esame degli addetti ai lavori c'è quella di un rimpatrio lampo dei migranti tunisini attraverso voli charter così come si studiano nuove modalità per velocizzare le pratiche di identificazione.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini oggi è a Vienna per la conferenza su sicurezza e migrazione a cui partecipano i ministri dell'Interno europei e durante la quale sono previsti gli incontri bilaterali con il collega dell'Interno francese Collomb e il commissario europeo Avramopoulos. Una delle proposte avanzate dal vicepremier è che ogni nuovo accordo commerciale fatto con Paesi terzi debba obbligatoriamente prevedere clausole di rimpatrio e riaccettazione degli immigrati in partenza. Non senza tensioni in un passaggio del suo intervento con l'omologo lussemburghese, con l'assicurazione di Salvini che «quando arriveranno gli ispettori Onu in Italia e Austria troveranno una ottima organizzazione e ottima accoglienza, quindi siamo assolutamente tranquilli».

Migranti, Salvini: oggi nuovi sbarchi e da Malta nessuna risposta

Durante il vertice il capo della Lega ha anche incontrato il suo omologo tunisino per affrontare il problema sbarchi ed è stata fissata per martedì una riunione a Roma cui il titolare del Viminale sarà presente. «Stiamo lavorando per soluzioni veloci, efficaci e innovative per stroncare il traffico di esseri umani», anticipa Salvini.

Ad agosto secondo le rilevazioni fornite da Frontex sono stati in tutto 12.500 i migranti arrivati nell'Ue, un numero in linea con lo stesso periodo del 2017. Ma se l'Italia, ad agosto, registra un calo del 62% rispetto ad agosto 2017, con 1500 migranti arrivati sulla rotta del Mediterraneo centrale; la Spagna, per il secondo mese consecutivo, si conferma la principale porta di ingresso nell'Unione, con 6500 persone giunte attraverso la rotta del Mediterraneo occidentale, con un numero più che raddoppiato di arrivi rispetto a un anno fa. Nei primi otto mesi del 2018, i migranti arrivati nell'Unione sono stati in tutto 86.500, con un calo del 40%, dovuto soprattutto alla riduzione della pressione migratoria nel Mediterraneo centrale. In Italia, nei primi otto mesi, il calo è stato dell'80%, rispetto allo stesso periodo di un anno fa, con un totale di 19.600 persone arrivate. I migranti giunti nei primi otto mesi, in Spagna, sono stati in tutto 29.600, con numeri raddoppiati rispetto ad un anno fa. Tra le principali nazionalità arrivate: Marocco, Guinea, e Mali e i migranti dai Paesi sub-sahariani hanno rappresentato oltre i tre quarti di tutti i migranti intercettati su questa rotta.

© Riproduzione riservata