Italia

Intossicati gas nell’Archivio di Stato ad Arezzo, due morti

  • Abbonati
  • Accedi
IPOTESI FUORIUSCITA ARGON

Intossicati gas nell’Archivio di Stato ad Arezzo, due morti

Due persone sono morte a causa di una fuga di gas in un locale dell'Archivio di Stato di Arezzo, che si trova in piazza del Commissario. Si tratta di due dipendenti che sarebbero rimasti intossicati. Una terza persona è stata soccorsa dal 118. Le vittime sono due impiegati originari di Arezzo, Piero B., 59 anni e Filippo B., 55. I vigili del fuoco hanno subito transennato la zona, facendo evacuare il palazzo ma anche invitando tutti i residenti a tenere le finestre aperte per evitare che nei locali si accumulasse il gas. L'intero centro storico, a due passi dall'Archivio di Stato, dove ci sono le sedi della biblioteca, del comune, della provincia e il cuore di Arezzo l'antica Piazza Grande, è stato messo in allarme, che poi è rientrato appena è stato accertato quanto successo. È stata subito aperta un’inchiesta della Procura.

Vigili del fuoco: l’ambiente saturo di argon
Le due persone, scese per verificare cosa avesse fatto scattare l'allarme nel locale-ripostiglio, «si sono trovate in un ambiente saturo di argon rimanendo intossicati: il gas non provoca scoppi, ma brucia l'ossigeno», ha spiegato il dirigente dei vigili del fuoco di Arezzo Roberto Tommasini. «Le nostre indagini - ha spiegato - dovranno appurare cosa sia accaduto». L’argon si sarebbe sprigionato dal sistema antincendio.

Intossicato anche un terzo impiegato
L'allarme è scattato intorno alle otto nella sede dell'Archivio nel centro di Arezzo, al momento dell'entrata dei dipendenti al lavoro. I due impiegati secondo una prima ricostruzione sarebbero scesi nel locale dove si trova la centralina. E proprio lì sarebbe avvenuta la fuorisucita di gas che avrebbe invaso il locale, soffocando i due impiegati. Senza rendersene conto perché si tratta di un gas inodore. Il terzo impiegato, non vedendo tornare i colleghi, è sceso anche lui nel locale ed rimasto anche lui parzialmente stordito. È stato però in grado di chiamare i soccorsi ed è stato salvato dai vigili che hanno indossato le protezioni antigas.
L’uomo, 57 anni di Bucine, è stato trasportato dal 118 in codice giallo all'ospedale San Donato di Arezzo dove è ricoverato.

Antincendio revisionato da poco
L'impianto antincendio dell'Archivio di Stato di Arezzo era stato revisionato alcune settimane fa. A confermarlo alla stampa Maurizio Morelli, titolare della ditta Remas incaricata della manutenzione dell'impianto intervenuto sul posto dopo accaduto.

Lutto cittadino il giorno dei funerali
Sarà lutto cittadino nel giorno dei funerali dei due dipendenti dell'Archivio di Stato morti stamani ad Arezzo. Lo ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli «profondamente addolorato. La situazione si era rivelata subito molto grave ma, come tutti, ho sperato fino all’ultimo in un epilogo non così drammatico». Il sindaco ha disposto l’esposizione delle bandiere a mezz'asta negli edifici comunali e invitato gli esercizi commerciali ad abbassare le saracinesche contestualmente alle celebrazioni delle esequie

© Riproduzione riservata