Motori24

Dossier Rally Adriatico: vittoria di Scandola e Campionato riaperto a una gara…

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 113 articoliSpeciale Motorsport, il mondo delle gare tra adrenalina e innovazione

Rally Adriatico: vittoria di Scandola e Campionato riaperto a una gara dalla fine

Umberto Scandola e Guido D’Amore vincono il Rally Adriatico 2018
Umberto Scandola e Guido D’Amore vincono il Rally Adriatico 2018

La 25^ edizione del Rally Adriatico (20-22 settembre) si è svolta a Cingoli (MC) ed è stato il settimo e penultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally (CIR) e anche quarta prova del Campionato Italiano Rally Terra (CIRT).
Una gara tanto spettacolare quanto ricca di colpi di scena fino all'ultima prova speciale che ha segnato vicende importanti per la corsa al titolo tricolore assoluto che si concluderà a metà ottobre a Verona al Rally Due Valli (VR).
Una gara praticamente sempre al comando, quella di Scandola che con questa vittoria ha praticamente azzerato il vantaggio di Paolo Andreucci in vetta alla classifica provvisoria. Il Campione in carica è ora secondo di soli 0,5 punti dietro allo scaligero, con Campedelli dietro a cinque punti.

Peugeot 208 T16 e Paolo Andreucci

Nei due giorni di gara, Scandola ha saputo tenere i nervi saldi contenendo i ripetuti attacchi che arrivavano soprattutto dal romagnolo Simone Campedelli, affiancato da Tania Canton sulla Ford Fiesta R5. Un po' di amaro in bocca è rimasto a Crugnola, che proprio in coincidenza all'ultima fatica cronometrata si è visto soffiare il “bronzo” da Marchioro, che con il classico colpo di coda lo ha beffato, confermandosi anche primo degli iscritti al tricolore “terra”. Per il duo veneto un primato conquistato sulla vettura gemella del sammarinese Ceccoli con un grande vantaggio.

Simone Campedelli, affiancato da Tania Canton sulla Ford Fiesta R5

Tutto questo ha generato un grande spettacolo ma anche una nuova delusione per il Campione in carica, Paolo Andreucci, che dopo aver sofferto nella prima tappa per il fatto di partire per primo e “spazzare” la strada, il secondo giorno (partito in quinta posizione) non ha scalato posizioni, finendo poi malamente la gara cingolana con il colpo di scena di incappare in un incidente. Amarezza, quindi, per Paolo Andreucci che è costretto al ritiro dopo una gara vissuta con grande impegno per difendere la leadership di campionato, ora totalmente riaperto.

Crugnola e Fappani su Ford Fiesta R5 della HK Racing

Ritmo serrato su sfondi spesso molto sdrucciolevoli significa anche qualche “giravolta” di troppo: è così che fin dalle speciali della mattina si vedono alcuni spettacolari capottamenti, privi di conseguenze per gli equipaggi. È il caso di quello della Skoda Fabia R5 di Costenaro-Bardini, andati sul tetto durante la sesta prova speciale di Cupramontana quasi da fermi per poi riprendere la gara con un notevole ritardo. Anche i giovanissimi outsider finlandesi, autori di una performance di livello non sono comunque stati esenti dai “fuori programma”: Pietarinen, è stato fermato da un “up-down” alla nona speciale, e Lindholm è incappato in uno spettacolare loop nel dodicesimo impegno cronometrato.

De Tommaso conquista il Campionato italiano Junior
Se il tricolore assoluto e il “terra” rimangono ancora da assegnare, il Rally Adriatico ha incoronato comunque un equipaggio campione tricolore: Damiano De Tommaso e Michele Ferrara, a bordo della Peugeot 208 R2B ufficiale vincono il Campionato Italiano Rally Junior 2018. Un gran bel week end di gara quello dell'equipaggio lombardo del team Peugeot Sport Italia, iniziato venerdì in maniera soft e poi esploso da metà gara in poi. Il secondo posto ottenuto nella penultima gara del campionato permette al giovane pilota ufficiale della Casa del Leone di imporsi in un campionato assai combattuto e che ha visto protagonista la Peugeot 208 R2B.
Resta, invece, aperta fino all'ultima corsa la sfida per il Campionato Due ruote motrici.

Situazione campionato
A una gara dalla conclusione del Campionato Italiano Rally, la classifica vede al comando Scandola con 57,5 punti, seguito da Andreucci a 57, Campedelli a 52 e Crugnola a 45.
Mentre nella classifica costruttori la leadership è di Skoda con 103,5 punti, poi Ford a 102 e Peugeot a 67.
L'ultimo appuntamento sarà il Rally Due Valli a Verona il 12 e 13 ottobre, “ultima” anche per il Campionato Italiano rally auto storiche. Una gara importante per il campionato anche in riferimento al coefficiente da 1,5.

© Riproduzione riservata