Italia

Nomine sui servizi segreti, fumata nera. Non c’è accordo nel…

  • Abbonati
  • Accedi
nuovo rinvio

Nomine sui servizi segreti, fumata nera. Non c’è accordo nel Governo

Palazzo Chigi (Ansa)
Palazzo Chigi (Ansa)

Saltano le nomine ai vertici di Aise e Dis. È stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a decidere un rinvio definito, secondo le fonti ufficiali, «di qualche giorno». Si parla di un orientamento dell'Esecutivo a fare convergere il cambio dei direttori dell'intelligence insieme alla nomina del nuovo capo di Stato maggiore della Difesa al posto di Claudio Graziano, dal 6 novembre a Bruxelles presidente del Comitato militare dell'Unione europea. Non è detto che andrà così.

L'accordo sui nuovi designati, comunque, non si è concluso, e i tempi ancora necessari sono incerti. Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, da tempo preme per un ricambio. Ha prevalso invece la volontà del presidente del Consiglio di soprassedere. E le due nomine in ballo - secondo alcune fonti non confermate anche il vertice dell'Aisi - contrariamente a un pensiero diffuso non vanno sottoposte all'approvazione del Consiglio dei ministri ma, secondo la legge, sono sancite da un decreto dello stesso premier “sentito” il Cisr, il comitato dei ministri per la sicurezza (Interno, Difesa, Economia, Sviluppo economico, Giustizia, Esteri).

Il potere di Conte, dunque, in questo frangente è decisivo. La conferenza di Palermo sulla Libia, del resto, prevista per il 12 e 13 novembre, è in preparazione proprio a palazzo Chigi con gli Esteri attori protagonisti e l'Aise componente essenziale dell'organizzazione.

Nonostante l'indicazione sui “pochi giorni” trapelata in queste ore tutto fa pensare, invece, a una prospettiva di ricambio quantomeno dopo la conferenza di Palermo. A meno che la procedura di nomina non bruci le tappe e avvenga davvero subito, a fine settimana o all'inizio della prossima. Ma serve, intanto, la sintesi definita sui nomi, oggi rivelatasi mancante. E il governo in tutte le sue componenti dovrà trovare il tempo di affrontarle e risolverle mentre incombe tutta la partita difficilissima sulla manovra economica.

© Riproduzione riservata