Italia

Alitalia, finanziati gli ammortizzatori del trasporto aereo anche per il…

  • Abbonati
  • Accedi
l’ncontro di maio-sindacati

Alitalia, finanziati gli ammortizzatori del trasporto aereo anche per il 2019

La copertura per gli ammortizzatori sociali per il trasporto aereo proseguirà per il 2019. Nell'incontro con i sindacati al Mise il ministro Luigi Di Maio si è impegnato a prorogare l'addizionale comunale sui diritti di imbarco, in scadenza a fine anno, che serve ad alimentare il Fondo di settore utilizzato da circa 13mila lavoratori delle aziende in crisi. Il ministro ha spiegato che la misura sarà inserita in uno dei provvedimenti all'esame del Parlamento, senza specificare ancora quale. L'annuncio era atteso dai sindacati, visto che Alitalia ha proposto il proseguimento della cassa integrazione straordinaria a rotazione, in scadenza a fine ottobre, fino al 23 marzo 2019 per l'equivalente di 1.570 unità, di cui 950 tra il personale di terra e 620 naviganti (tra cui 100 comandanti e 100 piloti).

Al Mise tavolo permanente sul trasporto aereo
L'incontro per rinnovare la procedura di Cigs con azienda e sindacati si terrà al ministero, secondo quanto riferiscono i sindacati al termine della riunione con Di Maio che ha anche convocato un tavolo permanente sul trasporto aereo (la prima riunione è prevista tra una decina di giorni).

I sindacati: bene, ma adesso le misure
In vista della scadenza del 31 ottobre per la vendita di Alitalia, il ministro ha anche confermato ai sindacati quanto anticipato al Sole 24 Ore sulla conversione in equity di parte del prestito ponte da 900 milioni con la costituzione di una Newco con il Mef al 15 per cento. «Si è trattato di un incontro positivo - commenta Claudio Tarlazzi (Uilt) - attendiamo di vedere trasformati gli annunci in misure concrete. Il ministro ci ha anche rassicurato sul fatto che non ci saranno esuberi e che il personale non verrà trasferito ad una eventuale bad company». Per Stefano De Carlo (Fnta) «bene gli impegni presi dal ministro, ma per il futuro di Alitalia serve un piano industriale e non si può prescindere dallo sviluppo dei collegamenti con il Nord Atlantico per intercettare i flussi di un mercato particolarmente ricco».

© Riproduzione riservata