Italia

Varoufakis: «Bruxelles nella trappola di Salvini, Quota…

  • Abbonati
  • Accedi
CANDIDATO ALLE EUROPEE IN GERMANIA

Varoufakis: «Bruxelles nella trappola di Salvini, Quota 100? Solo per lavori manuali»

Yanis Varoufakis, economista greco, ex ministro delle Finanze del primo Governo Tsipras da cui uscì sbattendo la porta, ha lanciato il movimento politico transnazionale Diem25 per un’alleanza europeo progressista, con il quale si candida alle elezioni europee del 2019 in Germania. Da domani è in Italia per due giorni per un ciclo di appuntamenti, tra cui quello a Roma presso lo studio legale Curtis dove, assieme a Sir Martin Sorrell, incontrerà un centinaio di esponenti della business community.

Spread Btp-Bund stabilmente oltre 300. Ci risiamo con il rischio-Grecia per l'Italia?
La somiglianza è che la Ue, in entrambi i casi, sta creando una crisi finanziaria per costringere un governo ad arrendersi. La principale differenza è che la minaccia di gettare l’Italia fuori dalla zona euro è molto meno credibile di quanto non fosse nel caso della Grecia.

Anche per la differenza delle dimensioni, certo. Ma a questi tassi i timori aumentano, e parecchio...
Sono comprensibili i timori che le autorità dell’Ue hanno in considerazione del fatto che l’Italia è troppo grande per fallire e per subire ricatti e troppo vicina ad un’implosione finanziaria che né Ue né Bce hanno gli strumenti per affrontare.

Manovra bocciata da Bruxelles ma il governo tira dritto. È un gioco delle parti o si va davvero allo scontro in un quadro di radicalizzazione dei rapporti tra forze politiche tradizionali e nuovi poteri?
Bruxelles sta cadendo nella trappola di Matteo Salvini. Stanno diffondendo minacce nei confronti di Salvini che rafforzano la sua presa all’interno del governo italiano. Salvini è una nuova forza? Sì, è ma, allo stesso tempo, è il prodotto della ridicola gestione da parte dell’Ue della inevitabile crisi dell’eurozona. Inoltre, in modo paradossale, Salvini e Bruxelles hanno bisogno l’uno dell'altro. Bruxelles ha bisogno di qualcuno come Salvini poiché offre a Juncker, Macron e Merkel l’opportunità di affermare :«Potremmo aver commesso degli errori ma siamo l’unica protezione che l’Europa ha per Salvini e gli altri». E Salvini ha bisogno di Juncker, Macron e Merkel perché le loro politiche fallite stanno suscitando il malcontento e la rabbia che Salvini sfrutta.

“Il M5S non può essere un modello per la sinistra europea, soprattutto da quando ha accettato di diventare la stampella della Lega”

Yanis Varoufakis, ex ministro delle Finanze greco 

Ma il reddito di cittadinanza , così come prefigurato, può essere una strada? Molti hanno dubbi...
Non ci saranno redditi di cittadinanza. Tutto ciò che il M5S propone è un reddito minimo garantito standard che è subordinato all'accettazione di offerte di lavoro, anche se terribili. Questo schema esiste nella maggior parte dei paesi europei e non c'è nulla di radicale al riguardo. Mentre può aiutare alcuni italiani poveri per un pò, non offre alcuna soluzione al problema strutturale di ristagno di posti di lavoro e redditi a causa di investimenti molto bassi.

E la contro-riforma della legge Fornero, che fu varata proprio a fine 2011, con lo spread poco sotto 600: non si rischia di far saltare il banco per le generazioni future? I numeri sono numeri.
È importante non confondere ciò che sta accadendo nei mercati obbligazionari, il famigerato spread, con i problemi del sistema pensionistico. Gli spread stanno aumentando perché l’Ue e la Bce li stanno spingendo nel loro scontro con il governo di Roma. Sarebbero aumentati indipendentemente dalla politica del governo sulle riforme pensionistiche.

Resta però il tema dell’età pensionabile e della cosiddetta “quota 100”?
Per quanto riguarda la riduzione dell'età alla quale gli italiani si qualificano per una pensione, cioè invertire le riforme di Monti, ritengo che questa riduzione dovrebbe andare avanti solo per i lavoratori manuali e quelli a bassa retribuzione, ma non per quelli con redditi più alti che lavorano in finanza, pubblica amministrazione o nelle professioni. Qualsiasi cifra venga risparmiata dovrebbe essere investita in progetti infrastrutturali verdi.

Alle elezioni europee e si presenterà con il suo movimento Diem25, con un programma molto anti-establishment, ma da posizioni di sinistra. Ora in Italia queste posizioni però vengono soprattutto da destra.
Per anni ho sostenuto che il futuro della democrazia e dell’Ue dipendono dalla capacità dei progressisti - o europeisti radicali - di presentare in modo convincente un’agenda paneuropea che sfidi simultaneamente l’establishment austerità e la destra xenofoba che vuole smantellare l’Ue. Diem25 ha presentato un programma del genere (lo chiamiamo il New Deal europeo) e, nel maggio 2019, lo presenteremo agli elettori di tutta Europa.

Il M5S può essere un modello per la sinistra europea?
Francamente, no. Soprattutto da quando hanno accettato di essere la stampella su cui Salvini si appoggia per promuovere il suo nuovo movimento fascista, M5S ha perso ogni pretesa di essere un modello per i progressisti.

“La tragedia della sinistra nel periodo tra le due guerre fu che i fascisti riuscirono a rubare la nostra narrativa . Non deve succedere di nuovo”

Yanis Varoufakis 

La sfida alla “dittatura” della burocrazia europea somiglia molto alle sue posizioni di qualche anno fa.
La tragedia della sinistra nel periodo tra le due guerre fu che i fascisti riuscirono a rubare la nostra narrativa - ad esempio lo sfruttamento dei lavoratori, la tirannia dei banchieri, la dittatura della borghesia - al fine di potenziare i loro partiti pseudo-antiestablishment, conquistare il potere e, in definitiva, per introdurre la peggior dittatura di sempre a sostegno… dell’establishment.. La sinistra ha il dovere morale di non permettere ai Salvini d’Europa di avere successo allo stesso modo.

Esponenti della maggioranza Lega-M5S ripetono che alla fine l’Italia dovrà uscire dall’Euro. Ci crede?
L’Italia non può prosperare all’interno dell’attuale architettura dell’eurozona. Questo è vero. Ma l’uscita dall’euro causerebbe costi ingenti ai più vulnerabili degli italiani. Naturalmente, Diem25 ritiene che dovremmo prepararci all’uscita dall’euro perché è fondamentale essere pronti anche per gli sviluppi che non vogliamo che accadano

Questo governo durerà 5 anni?
No. Salvini sta usando M5S per aumentare la percentuale di voti della Lega fino a quando, dopo le elezioni europee, potrà governare da solo.

© Riproduzione riservata