Italia

Morra: «’Ndrangheta delocalizza in Paesi controlli più…

  • Abbonati
  • Accedi
a Radio 24

Morra: «’Ndrangheta delocalizza in Paesi controlli più blandi»

«La 'ndrangheta ha delocalizzato l'arrivo di sostanze stupefacenti dal porto di Gioia Tauro verso i porti di Rotterdam e Anversa che vengono preferiti perché i loro sistemi di controllo sono più blandi», ha detto il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, intervenendo alla trasmissione 24Mattino su Radio 24, con Maria Latella e Oscar Giannino, in riferimento ai risultati dell'inchiesta che ha coinvolto in contemporanea Italia, Olanda, Germania, Belgio e Sud America con 90 arresti coordinati dalla Procura di Reggio Calabria.

GUARDA IL VIDEO - 'Ndrangheta: blitz tra Ue e Sudamerica, 90 arresti

Fondamentale il coordinamento fra le autorità giudiziarie
Morra ha sottolineato che l’operazione ha avuto numeri importanti: «quando la Stato vuole ha una straordinaria efficicacia nel contrastare e nello sconfiggere certe dinamiche». È stata, ha aggiunto Morra, «la prima operazione condotta con efficacia e con successo da vari organismi internazionali. Questo è stato possibile grazie al coordinamento che finalmente si è dato fra varie autorità giudiziarie. Qualcosa si sta muovendo. Però in tante altre occasioni gli appelli rivolti dai magistrati italiani sono caduti nel vuoto. Ben venga un'Europa che voglia condividere questa lotta.

Altrimenti se si deve consentire a qualcuno, semplicemente per attrarre capitali, di accettare logiche che gli Stati democratici devono rifiutare, allora prendiamone atto. E finisce là».

Stato-mafia: preoccupa attacco del generale Mori ai pm
«Il generale Mario Mori, condannato a 12 anni in primo grado per la trattativa Stato-mafia, ha attaccato, allusivamente, alcuni magistrati, dicendo di sperare di vivere sufficientemente a lungo perché deve veder morire qualcheduno dei suoi nemici. Non è questo il clima che deve essere alimentato. Di questo argomento che al generale dà fastidio, ovvero della trattativa Stato-mafia, si continuerà a parlare eccome», ha detto il presidente dell’Antimafia Morra, a proposito dell’articolo pubblicato sul Fatto, che riporta alcune affermazioni del generale Mario Mori durante una conversazione con i giornalisti dopo un incontro con gli studenti a Serino, in provincia di Avellino, alcuni giorni fa. Secondo quanto scrive il quotidiano, Mori ha detto: «mi curo di vivere a lungo perché devo vedere morire qualcheduno dei miei nemici».

© Riproduzione riservata