Italia

Enea, sensori hi-tech per la sicurezza di ponti e viadotti

  • Abbonati
  • Accedi
Attualità

Enea, sensori hi-tech per la sicurezza di ponti e viadotti

La sicurezza stradale viaggia con l'hi tech. Attraverso un sistema che mette assieme monitoraggio costante, con dei sensori intelligenti in grado di misurare peso e velocità dei mezzi in transito e interventi che anticipano eventuali situazioni critiche. Si chiama Sentinel, “Sistema di pesatura dinamica intelligente per la gestione del traffico pesante”, ed è il progetto, portato avanti dall'Enea, in veste di capofila assieme all'Anas, Takius Srl e Consorzio Train (Consorzio per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie per il Trasporto Innovativo che vede fra i suoi soci Enea, Ansaldo STS SpA, Rina Consulting SpA, Hitachi Rail Italy SpA, Ett SpA, Mermec S.p.A, Mhps Italia Srl e Università degli Studi di Salerno) proprio per garantire la sicurezza stradale in presenza di traffico pesante.

L’iniziativa, partita questi giorni ma ancora in fase sperimentale, ha il compito di controllare in tempo reale l’impatto del traffico pesante su ponti, viadotti e altre infrastrutture strategiche della rete stradale.

L'obiettivo è quello, attraverso l'analisi prodotta dai sistemi intelligenti ad alta tecnologia in grado di ‘pesare' i tir in corsa, di proporre soluzioni alternative di sicurezza stradale. Primo esperimento sul campo, (finanziamento complessivo di circa 4,6 milioni di euro e una durata di 30 mesi) con «dimostratore pilota» in un viadotto individuato dall'Anas sulla Salerno-Reggio Calabria. «Il dispositivo consentirà di controllare nell'immediato se ci sono veicoli pesanti in sovraccarico rispetto alla struttura viaria e – spiega Piero de Fazio, ricercatore del Dipartimento tecnologie energetiche dell'Enea - e agire di conseguenza con la fermata dei mezzi e interventi successivi che vanno dalla scelta di un percorso alternativo all'alleggerimento del carico, evitando quindi il passaggio nei viadotti».

Allo stesso tempo c'è la possibilità di «acquisire informazioni utili a una corretta manutenzione di ponti, viadotti o tratti stradali in prossimità di nodi o con caratteristiche altimetriche, ambientali, climatiche specifiche». Un esperimento innovativo che, come chiarisce de Fazio «abbina la ‘pesatura dinamica' dei tir con modelli predittivi basati su traffico e condizione di carico, ma anche su fattori quali altimetria e condizioni meteo, con strategie di sicurezza come lo smistamento su viabilità alternativa o il fermo in area-tratta di accumulo».

A rivestire particolare importanza anche la telematica che, come rimarca Filippo Ragazzo, amministratore delegato del Consorzio Train «con sistemi Ict (Information and Communication Technologies) e Its (Intelligent Transportation Systems) è uno degli strumenti chiave del trasporto innovativo». «Altri settori di eccellenza sono i sistemi avanzati e le nuove tecnologie basate anche sull’informatica e la robotica per dare risposte alla crescente domanda di sicurezza nei trasporti – conclude Ragazzo -, ma anche la diagnostica e la manutenzione basate sulla prevenzione e la previsione, per poter anticipare il più possibile la soluzione dei problemi e assicurare il massimo livello di affidabilità e sicurezza».

© Riproduzione riservata