Norme & Tributi

Dossier Reddito di cittadinanza: tutto ciò che c’è da sapere in…

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 48 articoliIl reddito di cittadinanza: la guida completa 2019

Reddito di cittadinanza: tutto ciò che c’è da sapere in dieci domande e risposte

1) Quando si potrà fare domanda per il reddito di cittadinanza?
Dal 1°marzo può essere richiesto anche con modalità telematiche negli uffici postali o ai Centri di assistenza fiscale convenzionati con l'Inps. Sarà l'Istituto nazionale di previdenza sociale a verificare entro cinque giorni lavorativi il possesso dei requisiti per l'accesso. Spetta, invece, ai Comuni la verifica dei requisiti di residenza e soggiorno. L'esito delle verifiche è comunicato dall'Inps. Ma può anche essere l'Inps stessa ad avvisare i nuclei familiari che ne hanno diritto perché, a seguito dell'attestazione dell'Isee, presentano valori dell'indicatore compatibili con l'accesso al sussidio.

PER SAPERNE DI PIÙ / Reddito di cittadinanza: i 10 punti chiave dai destinatari ai controlli

2) Quali sono i criteri per ottenere il reddito di cittadinanza?
Il reddito è riconosciuto a nuclei familiari in possesso di cittadinanza italiana o di Paesi dell'Unione europea, residenti in Italia in via continuativa da almeno 10 anni, con un valore dell'Isee inferiore a 9.360 euro, un valore del patrimonio immobiliare - diverso dalla casa di abitazione- non superiore a 30mila euro, un patrimonio mobiliare non superiore a 6mila euro (accresciuto di 2mila euro per ogni componente familiare successivo al primo fino ad un massimo di 10mila euro, incrementato di ulteriori 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo). Questi massimali sono incrementati di 5mila euro per ogni componente con disabilità.

GUARDA IL VIDEO / Chi puo' chiedere il reddito di cittadinanza

3) L'Isee è l'unico criterio?
No, un altro criterio è il valore del reddito familiare inferiore a 6mila euro annui, crescente in base alla composizione del nucleo familiare. La soglia è di 9.360 euro se il nucleo familiare è in affitto.

GUARDA IL VIDEO / Ecco chi avrà il reddito di cittadinanza

4) In cosa consiste il beneficio?
Il beneficio economico è erogato attraverso una Carta Rdc che permette di effettuare prelievi di contante entro un limite mensile di 100 euro per un singolo individuo (l'importo cresce in base alla composizione del nucleo familiare). Non si potrà utilizzare per il consumo di beni e servizi provenienti dal gioco di azzardo che portano alla ludopatia; in questo caso il beneficio viene revocato. I beneficiari del sussidio avranno anche le agevolazioni delle tariffe elettriche e per la fornitura del gas naturale previste per le famiglie economicamente svantaggiate.

PER SAPERNE DI PIÙ / Reddito di cittadinanza anche agli stranieri in Italia da 10 anni

5) Quanto viene riconosciuto?
Il reddito di cittadinanza è costituito da una integrazione al reddito con importo variabile in base al numero di componenti del nucleo familiare (da 500 euro mensili per 1 componente a 1.050 euro per 3 adulti e 2 minorenni), a cui si aggiungono 280 euro di contributo mensile all'affitto.

PER SAPERNE DI PIÙ / Reddito cittadinanza, via ad aprile: tra i paletti Isee entro 9.360 euro e 8 ore di lavori “sociali”

6) Le sanzioni per chi fornisce formazioni false?
Chi per ottenere il Rdc con dolo fornisce dati e notizie false, incluso l'occultamento di redditi e patrimoni ai fini Isee, o dichiarazioni fiscali, è punito con la reclusione da 1 a 6 anni, oltre alla decadenza dal beneficio e al recupero di quanto indebitamente percepito (anche in assenza di dolo). In caso di dolo il Rdc non potrà essere richiesto per 10 anni. La sanzione penale è estesa anche a soggetti terzi che collaborano con dolo ad occulatare redditi e patrinomi del beneficiario.

PER SAPERNE DI PIÙ / Reddito di cittadinanza, la Guida completa 2019

7) Quali sono i passaggi successivi?
Entro un mese dal riconoscimento del beneficio si è convocati dai centro per l'impiego se si fa parte di un nucleo familiare con almeno un componente disoccupato da non più di due anni, di età inferiore a 26 anni, beneficiario di Naspi o di ammortizzatore sociale, o che ha sottoscritto un patto di servizio con un centro per l'impiego ancora in corso di validità.

GUARDA IL VIDEO / Reddito cittadinanza a stranieri, Di Maio: alzeremo tetto 5 anni

8) Quali sono gli obblighi del beneficario del Rdc?
Se non lo ha già fatto, dovrà presentare una dichiarazione di immediata disponibilità. Viene stipulato un Patto per il lavoro con il centro per l'impiego o con l'agenzia per il lavoro accreditata. E' prevista la redazione del bilancio delle competenze, bisogna registrarsi sul sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, si può essere avviati a corsi di formazione e bisogna accettare almeno una delle tre offerte “congrue”.

9) L'obbligo riguarda anche chi deve assistere parenti disabili?
Sono esonerati i dagli obblighi i componenti con carichi di cura, i nuclei in cui c'è la presenza di soggetti con meno di tre anni, o con componenti del nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza.

10) Chi è in situazioni di disagio sociale e non è occupabile che sussidio avrà?
Fino alla decorrenza del reddito di cittadinanza continuerà a percepire il reddito di inclusione (fine marzo). Poi con l'avvio del Rdc (1° aprile) continuerà ad essere preso in carico dai servizi sociali di contrasto alla povertà dei comuni. Sono previsti interventi di accompagnamento all'inserimento lavorativo. Sia chi sottoscrive il patto per il lavoro, che chi sigla il patto di inclusione sociale, dovrà essere disponibile a partecipare a progetti di pubblica utilità promossi dai comuni.

© Riproduzione riservata