Italia

Fincantieri, Antitrust contro la crescita

  • Abbonati
  • Accedi
lacci e lacciuoli

Fincantieri, Antitrust contro la crescita

Ieri in Borsa il titolo Fincantieri è arrivato a perdere più dell’8 per cento, per poi recuperare in parte chiudendo a –4,7 per cento. È facile prevedere che le prossime settimane, anzi i prossimi mesi, per il gruppo italiano saranno di passione. La scelta dell’Antitrust francese di avviare la procedura europea per l’accordo tra Fincantieri e Chantiers de l’Atlantique, che peraltro è il risultato di un’intesa firmata dal governo Macron, crea difficoltà evidenti. Quanto sta accadendo è sconcertante perché, di fatto, pone le premesse per impedire la nascita di un gruppo europeo in grado di consolidare la leadership sui mercati internazionali. Così crescono le aziende americane e diventano protagoniste quelle cinesi mentre l’Europa, più o meno lentamente, è avviata sulla via del tramonto.

La procedura antitrust, come spiega Marcello Clarich sul Sole 24 Ore in edicola oggi, ha poche probabilità di risultare vincente, ma un obiettivo è già stato raggiunto: mettere in difficoltà il gruppo italiano, non soltanto in Borsa, puntando a logorarlo. La cantieristica è una industria che richiede tempi lunghi e certezze, tra l’altro in un settore con margini non formidabili. In più, con mossa rapida, anche l’Antitrust tedesco si è affiancato a quello francese nella procedura europea. E qui si può dire che qualche interesse poco nobile può avere pesato perché uno dei concorrenti più agguerriti di Fincantieri è proprio il gruppo tedesco Meyer Werft.

La certezza è che, a questo punto, occorre chiarezza e rapidità. Ha senso sbarrare la strada con lacci e lacciuoli a una operazione che permette il rafforzamento di un gruppo europeo di rilevanza mondiale? Se la risposta è sì vuol dire che l’Europa è davvero destinata al declino ed è l’Europa che non ci piace, quella che dà fiato alle trombe degli antieuropeisti. E che, tra l’altro, alimenta i sospetti di chi vede gli Antitrust francese e tedesco come braccio armato dei rispettivi Stati nazionali. Un sospetto alimentato dal fatto che nel comunicato ufficiale della Commissione europea si citano gli Stati, cioè Francia e Germania, non le due autorità antitrust.

© Riproduzione riservata