Norme & Tributi

Dossier Quota 100 rischia di «svuotare» i Comuni. Verso 50mila…

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 48 articoliPensioni 2019: calcolo, requisiti, novità e approfondimenti

Quota 100 rischia di «svuotare» i Comuni. Verso 50mila uscite. Bongiorno: «Vi aiuteremo»

Il «decretone» rischia di svuotare i Comuni con quota 100 proprio mentre li riempie di compiti per la gestione del reddito di cittadinanza. L'allarme arriva dal presidente dell'Anci Antonio Decaro, in audizione al Senato sul decreto dedicato a pensioni e reddito di cittadinanza. E riceve a stretto giro la risposta del ministro della Pa Giulia Bongiorno.
Vi aiuteremo, dice in pratica la titolare di Palazzo Vidoni, con un emendamento che permetta sostituzioni di personale più rapide dove c'è un'emergenza vera e propria negli organici.

Addio ai Comuni
Secondo i calcoli targati Anci, quota 100 potrebbe portare in anticipo all'uscita dall'ufficio fino a 50mila persone in 12-18 mesi, cioè più del 10% del personale oggi in forza ai Comuni. La spiegazione è semplice, e arriva dall'età media dei dipendenti comunali che ha ormai superato di slancio i 50 anni. La piramide delle età, come accade del resto in varie forme in tutta la pubblica amministrazione, è rovesciata ormai da tempo; i ritardi nei rinnovi contrattuali dopo il congelamento decennale delle buste paga limano la motivazione. E quota 100 può essere per molti l'occasione per salutare tutto questo e andare a riposo.

Piccoli e grandi
L'allarme è duplice: nei piccoli Comuni basta un'uscita prima del previsto per far saltare i piani di gestione del personale e moltiplicare i buchi più o meno rattoppati distribuendo interim su determinati settori a personale che si occupa d'altro. Nei Comuni grandi, invece, il quadro è peggiorato dal fatto che negli anni scorsi i limiti al turn over sono stati ancora più stretti, per cui l'organico più ampio non basta a rimediare ai compiti dei diversi uffici.

FOCUS / Molti pensionati con quota 100 sono disoccupati

L’ondata del reddito di cittadinanza
I problemi si moltiplicano con il reddito di cittadinanza, che mette i Comuni in prima fila in un sistema di controllo sugli aventi diritto ambizioso quanto di difficile realizzazione pratica. Il braccio di ferro Lega-M5S ha prodotto il parametro, di costituzionalità dubbia, che limita l'accesso al reddito di cittadinanza agli stranieri residenti in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due devono essere continuativi. Il controllo su questo requisito spetta proprio ai Comuni, che dovrebbero dare il responso in cinque giorni. Una sfida praticamente impossibile, visto che solo 1.600 Comuni su 8mila si sono già allacciati all'Anagrafe nazionale della popolazione residente, per cui in tutti gli altri casi ogni ente deve fare da sé e ricostruire passo per passo la storia anagrafica del residente. Anche per questa ragione, il presidente dell'Anci Decaro chiede di alleggerire i controlli, prevedendo verifiche puntuali solo sugli ultimi due anni e a campione sugli altri otto.

QUOTA 100 / Le scadenze e le finestre utili per andare in pensione

L’incognita sui «progetti di pubblica utilità»
Ma le verifiche sono solo il più immediato ed evidente fra i problemi operativi posti dal reddito di cittadinanza ai sindaci. Ogni municipio dovrebbe infatti avviare a stretto giro un programma di lavori di pubblica utilità in cui impegnare per otto ore settimanali tutti i titolari di reddito di cittadinanza mentre aspettano le offerte per un'occupazione vera e propria. E dal momento che una parte ampia della platea è composta da persone che per ragioni sociali e individuali avranno parecchie difficoltà a trovare lavoro davvero, per loro si aprirà il versante dei «patti per l'inclusione sociale» che dovrebbero coinvolgerli nell'aiuto delle reti di welfare locale. Obiettivo importante. Per il quale però servono persone.

DOSSIER / Pensioni 2019, tutte le novità

I correttivi in arrivo
Ma la finanza pubblica è quella che è, allargare ulteriormente gli spazi per le assunzioni è impossibile, per cui dalla Funzione pubblica arriva la promessa di un correttivo con lo scopo di aiutare almeno le amministrazioni più in difficoltà. I tecnici sono al lavoro per costruire i criteri più puntuali con cui individuare le «emergenze» da sanare con assunzioni in più. A patto che ci sia una graduatoria valida o la possibilità di attingere rapidamente alle graduatorie degli altri enti, perché i tempi per concorsi e assunzioni ordinarie sono incompatibili con l'urgenza. E senza dimenticare che l'allargamento del turn over al 100 per cento per tutte le pubbliche amministrazioni serve per il futuro: perché l'ondata di pensionamenti con quota 100 è prevista quest'anno, ma le uscite di oggi apriranno nuovi spazi per le assunzioni solo l'anno prossimo.

© Riproduzione riservata