Italia

Gilet gialli bloccati alla frontiera con l’Italia. Scontri e feriti a…

  • Abbonati
  • Accedi
NUOVI SCONTRI

Gilet gialli bloccati alla frontiera con l’Italia. Scontri e feriti a Parigi

Nuovi scontri a Parigi, per il 13esimo atto della protesta dei gilet gialli, nei pressi del Senato. Una molotov è stata lanciata al passaggio di una parte del corteo davanti al portone del Senato, nelle vie adiacenti ci sono stati danni alle vetrine, cariche e lancio di lacrimogeni da parte della polizia. Il corteo ha poi preso la direzione di Montparnasse, deviando in parte dal percorso autorizzato dalla prefettura. Poliziotti in assetto antisommossa sono in testa al corteo, furgoni blindati sono in coda. Lacrimogeni e cariche della polizia sono stati segnalati davanti alla sede dell'Assemblée Nationale, dove i manifestanti hanno provato a superare le transenne. Mentre il corteo è arrivato a Champ de Pars, è stata data alle fiamme un’auto della missione antiterrorismo Vigipirate. In precedenza, date alle fiamme una Porsche parcheggiata e diversi scooter.

Un uomo perde la mano
Un manifestante è stato portato dai servizi di soccorso in ospedale con una mano maciullata. Secondo un testimone, il manifestante è stato colpito da una “granata stinger” lanciata dalle forze dell'ordine mentre dei manifestanti stavano cercando di forzare la palizzata che protegge l'ingresso dell'Assemblea nazionale.

Partecipazione in ribasso rispetto a sabato scorso
È ancora in ribasso la partecipazione alle manifestazioni dei gilet gialli: in tutto il Paese, a metà pomeriggio il ministero dell’Interno ha contato 12.100 dimostranti contro i 17.400 di sabato scorso. A Parigi, i manifestanti sono la metà di sabato scorso, 4.000 contro 8.000, sempre secondo gli Interni.

Gilet Gialli verso frontiera italiana, bloccati
Intanto una trentina di gilet gialli guidati da Maxime Nicolle, alias “Fly Rider”, presente ieri anche nella manifestazione a Sanremo, sono stati bloccati dalla polizia sul percorso che avevano intrapreso per varcare la frontiera con l’Italia. I circa 30 gilet gialli si erano dati appuntamento allo stadio di Nizza, poi si erano diretti verso l’autostrada A8 per dirigersi a Mentone e verso l’Italia. Sono stati bloccati dalla polizia, compreso Nicolle che tentava di passare in auto. Un massiccio sbarramento di forza dell’ordine è stato predisposto dalla mattina sull’autostrada A8, all’altezza del casello de La Turbie, nei pressi di Montecarlo e anche nei pressi dell’imbocco del porto di Mentone Garavan, a pochi passi dalla frontiera franco italiana. A quanto si apprende - e secondo quanto riportato anche dall’edizione online del quotidiano francese Nice Matin - il vasto servizio d’ordine, che ha visto impegnata pure la gendarmeria, sarebbe stato organizzato per filtrare l’afflusso di gilet jaunes alla frontiera italiana. A un certo punto, l’autostrada è stata del tutto chiusa, con uscita obbligatoria a La Turbie. Lunghe code si sono registrate anche sulla route nationale.

© Riproduzione riservata