Italia

Bossi, i medici: condizioni critiche ma stabili

  • Abbonati
  • Accedi
il fondatore della lega ricoverato a varese

Bossi, i medici: condizioni critiche ma stabili

(Ansa)
(Ansa)

Restano critiche, ma stabili, le condizioni di Umberto Bossi, 77 anni, ricoverato da giovedì sera nel reparto di Rianimazione dell'Ospedale di Circolo di Varese dopo un malore in casa. Lo conferma il bollettino medico diramato dalla direzione sanitaria, che precisa che il fondatore della Lega «è sedato e monitorato costantemente» e che «proseguono le indagini diagnostiche per chiarire il quadro clinico». Una prima angiotac, eseguita subito dopo il ricovero, avrebbe escluso emorragie. Il prossimo aggiornamento su Bossi, a quanto si è saputo colpito da “crisi convulsiva” mentre era in casa sua a Gemonio (Varese), è atteso lunedì 18, sempre intorno a mezzogiorno. Intanto nella tarda mattinata di oggi il figlio maggiore di Bossi, Riccardo, è arrivato all’ospedale di Varese per far visita a suo padre.

«Non c’è stato nessun danno neurologico», aveva riferito nei giorni scorsi il presidente della Regione Lombardia, il leghista Attilio Fontana, dopo aver visitato il “Senatur” in ospedale. Tanti i messaggi di e gli auguri di pronta guarigione inviati al fondatore del Carroccio: da Matteo Salvini a Roberto Maroni, dal presidente del Veneto Luca Zaia, fino a Silvio Berlusconi, che ha parlato di Bossi come di un amico e di una «persona leale».
Quasi 15 anni fa, nel marzo del 2004, quasi 15 anni fa, il fondatore della Lega era già stato colpito da un ictus cerebrale che lo ha parzialmente paralizzato.

© Riproduzione riservata