Italia

Addio a Maria Luisa Monti Riffeser

  • Abbonati
  • Accedi
lutto nell’EDITORIA

Addio a Maria Luisa Monti Riffeser

Maria Luisa Monti Riffeser (Ansa)
Maria Luisa Monti Riffeser (Ansa)

Le società Monrif e Poligrafici Editoriale annunciano «l'improvvisa scomparsa» di Maria Luisa Monti Riffeser, presidente del cda di Poligrafici editoriale e vice presidente del cda di Monrif. Così in una nota congiunta diramata dalle due società. Aveva 88 anni. Nata a Ravenna il 28 dicembre 1930, era la figlia di Attilio Monti, il fondatore del gruppo editoriale che controlla Il Resto del Carlino, la Nazione e Il Giorno. Il figlio Andrea Riffeser è vicepresidente e amministratore delegato di Poligrafici editoriale.

«Bologna perde un'imprenditrice tenace, unica donna editrice di quotidiani in Italia. Marisa Monti Riffeser ha legato il suo nome al Resto del Carlino, punto di riferimento per l’informazione nella nostra città e nella nostra regione, e ad altre importanti iniziative editoriali. Alla sua famiglia va il mio sentito cordoglio unito a quello di tutta la città», scrive in una nota il sindaco di Bologna, Virginio Merola.

Sul sito del gruppo, Quotidiano.net, vengono ricordati alcuni tratti del suo carattere: «Si schermiva se qualcuno l'avvicinava alla mitica Katharine Graham, la proprietaria del Washington Post, ma Marisa Monti Riffeser è stata pur sempre l'unica donna editrice di quotidiani nella storia del nostro paese e con il figlio maggiore Andrea ne ha guidati un bel numero».

Maria Luisa Monti Riffeser aveva tre figli: Andrea, Claudio e Monica. Oltre che nell'editoria, è stata impegnata nel campo della moda con la griffe Monriff, specializzata nella produzione di accessori per il tempo libero e in particolare per l'equitazione. «La vita non le aveva risparmiato dure prove - viene ricordato su Quotidiano.net - come la prematura perdita del marito. Ma alla sua famiglia è rimasta fedele per sempre e non ha mai voluto risposarsi dicendo: Ho avuto tre figli, un matrimonio stupendo, perché cercare altro?».

Il suo fiore all’occhiello è la tenuta La Bagnania, in provincia di Siena, un borgo medievale trasformato in resort a 5 stelle con centro congressi e campo da golf.

© Riproduzione riservata