Italia

Diciotti, i migranti chiedono un risarcimento all'Italia

  • Abbonati
  • Accedi
ricorso al tribunale di roma

Diciotti, i migranti chiedono un risarcimento all'Italia

Alcuni migranti che erano a bordo della nave Diciotti hanno presentato un ricorso al tribunale civile di Roma per chiedere al governo italiano un risarcimento per essere stati costretti a rimanere a bordo diversi giorni. Secondo quanto si apprende da fonti del Viminale, il ricorso è stato presentato da uno studio legale a nome di 41 migranti - tra cui un minore - che erano a bordo della nave e che ora chiedono al premier Giuseppe Conte e al ministro dell'Interno Matteo Salvini un risarcimento tra 42 e 71mila euro. E in parallelo a questo viaggia anche un ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

La nave durante lo scorso mese di agosto fu al centro di un caso internazionale dopo aver raccolto in mare al largo della Libia migranti poi sbarcati a Catania dopo un'attesa durata giorni. Dei 41 che si sono rivolti allo studio legale, riferiscono le stesse fonti, 16 risultano essere nati l'1 gennaio. Scesi dall'imbarcazione gli stranieri furono poi ospitati presso le strutture di Baobab Experience. «Permettetemi di rispondere con una grassa risata, tutti nati il primo gennaio, tutti scomparsi, non prendessero in giro gli italiani, la pacchia è finita, i barconi non arrivano più, al massimo gli mandiamo un Bacio Perugina» è stato il commento del vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini.

PER APPROFONDIRE - Caso Salvini, dalla Diciotti alla Sea watch tutte le navi respinte

Pure per Sabrina De Carlo, capogruppo del M5S in commissione Esteri alla Camera, l'iniziativa è totalmente sbagliata. «L'Italia ha rispettato ogni convenzione internazionale e dato cura ed assistenza a tutti i migranti della Diciotti, come hanno confermato gli stessi organismi internazionali. Spiace per loro ma i 41 migranti che hanno chiesto un risarcimento si sono fatti strumentalizzare dai "soliti noti" della politica che ha favorito il business dell'immigrazione».

GUARDA IL VIDEO - Giarrusso fa il gesto delle manette davanti ai senatori Pd

Intanto sull'intero caso si avvia a conclusione la procedura in Senato relativa all'autorizzazione a procedere chiesta dal Tribunale dei ministri di Catania nei confronti di Salvini. È stata inviata dal presidente della Giunta delle immunità Maurizio Gasparri copia della relazione per l'Aula di Palazzo Madama. «Ora spetta alla conferenza dei capigruppo calendarizzarla per discuterla in assemblea», scrive il senatore azzurro allegando foto del documento.

© Riproduzione riservata