Italia

Bankitalia, latte e Alitalia: i tentativi di statalizzazione della…

  • Abbonati
  • Accedi
I DOSSIER

Bankitalia, latte e Alitalia: i tentativi di statalizzazione della maggioranza M5S-Lega

Sono tre i dossier in cui la maggioranza propone un coinvolgimento dello Stato: Alitalia, Bankitalia e crisi del latte/protesta dei pastori sardi (nella foto, da sinistra a destra, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini)
Sono tre i dossier in cui la maggioranza propone un coinvolgimento dello Stato: Alitalia, Bankitalia e crisi del latte/protesta dei pastori sardi (nella foto, da sinistra a destra, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini)

C’è la Banca d’Italia, con la possibilità che M5S e Lega prendano sul serio la provocazione lanciata da Fratelli d’Italia con una proposta di legge, all’esame della Commissione finanze della Camera, che punta a riportare l’istituto di Via Nazionale sotto il controllo diretto dello Stato.

Ma c’è anche la crisi del latte e la protesta dei pastori sardi, con l’annnuncio del premier Conte di un decreto legge per affrontare le emergenze agricole. All’interno del provvedimento, il «contributo dello Stato agli interessi sui mutui, la definizione di misure di monitoraggio per assicurare il rispetto delle quote e l’avvio del registro telematico del latte ovi-caprino». A completare il pacchetto delle mosse della maggioranza giallo verde che vanno nella direzione di una “statalizzazione”, di un intervento dello Stato, il dossier Alitalia, con il progetto del Governo di riportare lo Stato nell’ex compagnia di bandiera, con un ruolo forte.

Il ritorno in Alitalia delineato da Di Maio ma Tria frena
Il ritorno dello Stato in Alitalia è la colonna portante del progetto del Governo giallo-verde per rilanciare la compagnia. Nel piano illustrato dal vicepremier pentastellato Luigi Di Maio ai sindacati, Fs insieme al Tesoro arriverebbero a superare il 50% della newco per la nuova Alitalia. Ma il ministro dell’Economia, in occasione di un recente question time, ha chiarito che la soluzione cui si sta lavorando per Alitalia non è una ri-nazionalizzazione. Tria ha così ridimensionato il progetto del suo stesso Governo, e ha frenato anche sull’ingresso del Tesoro nella newco.

L’ipotesi di una convergenza M5S-Lega sulla proposta di legge su Bankitalia
Dopo aver stoppato la nomina del vicedirettore generale Luigi Federico Signorini, e dopo le parole spese a Vicenza in occasione dell’assemblea dei risparmiatori delle banche popolari venete finite in liquidazione e cedute a Intesa - Di Maio ha sottolineato che per il Direttorio dell’istituto di Via Nazionale serve discontinuità - i Cinque Stelle potrebbero decidere di sostenere la proposta di legge di Fdi. Il sottosegretario all’Economia, Alessio Villarosa (M5S), ha chiarito che l’Esecutivo si esprimerà sulla base di un’intesa tra i due alleati. Allo stesso tempo ha fatto presente di aver depositato una norma con analoghe finalità nella scorsa legislatura. Nel sostegno alla proposta di Fdi i Cinque Stelle potrebbero essere affiancati anche dalla Lega: il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, non ha escluso una norma per chiarire che le riserve auree di via Nazionale «appartengono al popolo italiano». La proposta punta a dare attuazione a una legge del 2005 (n.262) che prevedeva il possibile trasferimento allo Stato della proprietà del capitale della Banca d’Italia.

© Riproduzione riservata