Lifestyle

Sei Nazioni, contro l’Irlanda un altro pronostico a senso unico

  • Abbonati
  • Accedi
rugby

Sei Nazioni, contro l’Irlanda un altro pronostico a senso unico

(Afp)
(Afp)

Seconda partita consecutiva all'Olimpico, per l'Italrugby del Sei Nazioni. E stavolta il pubblico dovrebbe tornare a quota di 50mila spettatori. Appassionati italiani e “invasori” irlandesi, al seguito della squadra campione in carica e decisamente favorita per il match di domenica pomeriggio.

A dispetto di due sconfitte numericamente contenute (20-33 in Scozia e 15-26 a Roma con il Galles) la formazione azzurra continua ad apparire nettamente indietro rispetto alle altre cinque contendenti. E un problema è tuttora anche la “profondità” nei vari ruoli. Stavolta gli infortuni hanno colpito nel reparto di terza linea, privando il ct Conor O' Shea del capitano Sergio Parisse e del n. 6 Sebastian Negri, fermati rispettivamente da un colpo alla testa e da un attacco di febbre. Braam Steyn scala dalla maglia n. 7 alla n. 8 e sarà affiancato da Mbanda' e Tuivaiti. Si rivedono Lovotti e Tebaldi in campo, così come Castello in panchina, mentre la scelta tecnica più rilevante riguarda Federico Ruzza, che in seconda linea rimpiazza Sisi e per la prima volta partirà da titolare. Un riconoscimento adeguato al giocatore del Benetton, il club che si conferma maggior fornitore della Nazionale schierando nove titolari su 15 e cinque rincalzi su otto.

L'Irlanda è stata “strangolata” in maniera imprevista dall'Inghilterra nel match del primo turno disputato a Dublino. Ha subito ripreso la strada giusta andando a vincere in casa della Scozia ma certo ha visto calare un pochino le sue quotazioni, in prospettiva Sei Nazioni e Coppa del Mondo 2019. I Verdi, che ad autunno avevano superato perfino gli All Blacks, si trovano subito a rincorrere e comunque ben difficilmente rischieranno di inciampare in casa dell'Italia. Rispetto al successo sugli scozzesi il ct Joe Schmidt mantiene il formidabile impianto dei trequarti mentre cambia il 50% della mischia, non portando nemmeno in panchina il capitano Rory Best, il pilone Healy e il n. 8 Conan. Un turnover abbastanza spinto, ma chissà se il pacchetto italiano riuscirà a trarne almeno qualche piccolo vantaggio.

Intanto domani pomeriggio Galles e Inghilterra si giocano primato e imbattibilità nel confronto diretto di Cardiff. Motivazioni ulteriori per un confronto che non ne avrebbe bisogno: il Millennium Stadium (rinominato Principality per motivi di sponsor) è esaurito da mesi. E se in Galles il rugby è una religione il match con l'Inghilterra equivale alla messa di mezzanotte a Natale. I padroni di casa richiamano anche gli assi tenuti a riposo contro l'Italia e dispongono del fattore campo, ma i valori tecnici (in particolari quelli dei rincalzi) sono dalla parte degli inglesi, che cambiano il meno possibile: fuori solo gli infortunati Mako Vunipola e Ashton.

Proprio dopo avere incassato una disfatta contro gli inglesi, muteranno nome o ruolo parecchi titolari della Francia, impegnata in casa contro la Scozia. Occhio in particolare alla mediana: il n. 9 Dupont e il n. 10 Romain Ntamack - figlio d'arte - hanno rispettivamente 22 e 19 anni. Gli scozzesi, tradizionalmente in difficoltà allo Stade de France, piangono le assenze per infortunio dei trequarti più talentuosi, cioè Russell, Hogg e Jones. E le loro chance si riducono di un bel po'.

COSÌ IN CAMPO
(domenica 24 febbraio, Stadio Olimpico, ore 16)
Italia: Hayward; Padovani, Campagnaro, Morisi, Esposito; Allan, Tebaldi; Steyn, Mbanda', Tuivaiti; Budd, Ruzza; Ferrari, Ghiraldini (cap.), Lovotti. A disposizione: Bigi, Traore', Pasquali, Sisi, Zanni, Palazzani, McKinley, Castello. Ct Conor O' Shea
Irlanda: Kearney; Earls, C. Farrell, Aki, Stockdale; Sexton, Murray; Murphy, O' Brien, O' Mahony; Roux, Dillane; Furlong, Cronin, Kilcoyne. A disposizione: Scannell, J. McGrath, Ryan, Henderson, van del Flier, Cooney, Carty, Conway. Ct Joe Schmidt
Arbitro: Glen Jackson (Nuova Zelanda)

IL SEI NAZIONI 2019
Risultati e classifica
Primo turno: Francia-Galles 19-24; Scozia-ITALIA 33-20; Irlanda-Inghilterra 20-32
Secondo turno: Scozia-Irlanda 13-22; ITALIA-Galles 15-26. Inghilterra-Francia 44-8
Classifica: Inghilterra 10 punti; Galles 8; Scozia 5; Irlanda 4; Francia 1; ITALIA 0
Quattro punti sono assegnati per la vittoria, due per il pareggio, un punto di bonus alla squadra che segna almeno quattro mete e a quella che perde con uno scarto contenuto entro i sette punti
Calendario
Domani: Francia-Scozia (15.15); Galles-Inghilterra (17.45). Domenica: ITALIA-|rlanda (16)
Quarto turno. Sabato 9 marzo: Scozia-Galles (15.15); Inghilterra-ITALIA (17.45). Domenica 10: Irlanda-Francia (16)
Quinto turno. Sabato 16 marzo: ITALIA-Francia (13.30); Galles-Irlanda (15.45); Inghilterra-Scozia (18)
Tutti gli incontri sono trasmessi in diretta da DMax

© Riproduzione riservata