Motori24

Dossier Pininfarina Battista, la supercar sostenibile

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 45 articoli Speciale Salone di Ginevra 2019, tutte le novità in vetrina

Pininfarina Battista, la supercar sostenibile

È un sogno che si avvera questa hypercar per i Pininfarina, ma la Battista è anche la prima auto di lusso sostenibile che è realizzata da Automobili Pininfarina, il marchio controllato da Mahindra & Mahindra. Il nome è un omaggio al fondatore, Battista Pinin Farina. Fu lui che avviò nel 1930 la Carrozzeria Pinin Farina. L'auto che è stata disegnata nel centro stile di Cambiano, vicino a Torino, dal team guidato da Carlo Bonzanigo a partire dal 2020 sarà prodotta a mano in sole 150 unità, sempre nell'atelier Pininfarina.

La Battista è veramente un modello unico non soltanto per l'eleganza e la bellezza delle sue forme, ma anche e soprattutto per i suoi numeri. La hypercar grazie a quattro motori elettrici sistemati in prossimità di ciascuna ruota, è in grado di erogare una potenza complessiva di ben 1.900 cv e 2.300 Nm di coppia: numeri che la rendono l'auto stradale più potente mai prodotta in Italia. Non c'è da stupirsi quindi se la Battista accelera da 0 a 100 kmh in meno di 2 secondi e da 0 a 300 kmh in meno di 12 secondi ed è accreditata di una velocità massima, autolimitata, di 350 kmh.

Merito della batteria da 120 kWh che consente un'autonomia fino a 450 km e di ben 55 radiatori che tengono sotto controllo l'elevate temperature che può raggiungere. Gli interni, invece, offrono una plancia tecnologica con 3 display digitali dai quali si può controllare e configurare ogni singolo parametro del veicolo. Il tutto è corredato da un sistema d'infotainment che offre il meglio sia dell'intrattenimento che della navigazione nel settore automotive.

Al debutto ginevrino la Battista è stata esposta in tre diverse colorazioni: Bianco Sestriere, Blu Iconica e Grigio Luserna, ma sarà anche personalizzabile sulla base dei gusti dei futuri acquirenti. Il prezzo della Pininfarina Battista partirà da una base di un milione di euro, escluse naturalmente le eventuali personalizzazioni richieste.

© Riproduzione riservata