Italia

In un anno settima vittoria alle Regionali. 11 a 9 per il centrodestra

  • Abbonati
  • Accedi
LA VITTORIA IN BASILICATA

In un anno settima vittoria alle Regionali. 11 a 9 per il centrodestra

Con la vittoria in Basilicata, si ribalta l’equilibrio delle Regioni. Il centrodestra supera il centrosinistra: undici regioni conquistate a nove. I Cinque stelle continuano a non avere un governatore in rappresentanza del Movimento (i Cinque Stelle sono però il primo partito in Basilicata).

Il travaso di voti dell’ultimo anno
Nell’ultimo anno si è assistito a un travaso di voti: dalle politiche del marzo 2018, infatti, Lega, Fi e FdI manno messo il cappello su sette giunte (province autonome di Trento e Bolzano, Friuli Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Sardegna e, ora, Basilicata). Nel 2014 il centrosinistra controllava 16 regioni, e il centrodestra tre. «GRAZIE! La Lega in un anno triplica i voti, vittoria anche in Basilicata! 7 a 0, saluti alla sinistra e ora si cambia l’Europa», ha scritto su Facebook il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini.

GUARDA IL VIDEO - Basilicata: Bardi è il nuovo governatore, ecco tutti i risultati

Con la Basilicata scatta il sorpasso
Il pareggio centrodestra-centrosinistra è scattato con la tornata elettorale in Sardegna. Ora l’ultimo tassello, con la vittoria in Basilicata del generale in pensione della Guardia di Finanza scelto da Berlusconi con il via libera di Lega e Fratelli d’Italia: è il sorpasso del centrodestra sul centrosinistra. Ed è un sorpasso “di peso”, considerato che il nuovo governatore non solo va a sostituire quello di centrosinista, Marcello Pittella, ma va a conquistare una Regione che dal 1995 era un “fortino” di centrosinistra. La giunta della Valle d'Aosta è a guida autonomista con Antonio Fosson, quindi non fa parte né dell’uno né dell’altro schieramento.

GUARDA IL VIDEO - Elezioni regionali Basilicata: ecco chi ha votato chi

DOPO LA VITTORIA IN BASILICATA, IL CENTRODESTRA SUPERA IL CENTROSINISTRA E CONDUCE PER 11 A 9

Le 11 regioni amministrate dal centrodestra
Tirando le somme, con l’ultima bandierina conquistata in Basilicata il centrodestra governa in Trentino Alto Adige (in questo caso le giunte provinciali sono due: la Provincia di Bolzano con Arno Kompatscher, e quella di Trento con Massimo Fugatti), Friuli Venezia Giulia (Massimiliano Fedriga), Lombardia (Attilio Fontana), Liguria (Giovanni Toti), Veneto (Luca Zaia), Molise (Donato Toma), Sicilia (Nello Musumeci), Abruzzo (Marco Marsilio) e Sardegna (Christian Solinas).

Le nove regioni in mano al centrosinistra
Il centrosinistra ha invece la presidenza in Piemonte (Sergio Chiamparino, prossima regione che andrà alle urne, probabilmente il 26 maggio nell’election day con le Europee), Emilia Romagna (Stefano Bonaccini), Toscana (Enrico Rossi), Marche (Luca Ceriscioli), Umbria (Catiuscia Marini), Lazio (Nicola Zingaretti), Campania (Vincenzo De Luca), Puglia (Michele Emiliano) e Calabria (Mario Oliverio).

© Riproduzione riservata