Italia

Roma, «fuori le palle» (dalla rete di Olsen)

  • Abbonati
  • Accedi
Commento|Il Graffio del Lunedì

Roma, «fuori le palle» (dalla rete di Olsen)

Povero Antonello, dopo tanti anni di onorata carriera, di “Quanto sei bella Roma” e “Roma capoccia” cantate a squarciagola, il povero Venditti dovrà ora chiedere i danni al presidente Pallotta. Ne ha ben donde: della Magica restano solo le macerie, le barzellette di Totti, le cappelle di Olsen, i buchi e le buche della difesa che, come le strade di Roma, si aprono all’improvviso lasciandoti senza fiato. “Crescita zero”, direbbe Junker, prima dell’aperitivo.
Ora siamo agli stracci. Poco elegantemente, Pallotta ha detto ai suoi giocatori di tirar fuori le palle: e infatti, col Napoli, ne hanno tirate fuori quattro, ma dalla porta di Olsen, dove peraltro le palle si trovano benissimo.

Povero anche Ranieri: dopo l’impresa eccezionale con il Leicester, non ne azzecca più una. Ci vuole coraggio, e anche una certa testardaggine, per sedersi su certe panchine molto meno tranquille di quelle dei giardinetti.
Inseguito dal solito fantasma di Conte, Ranieri ora dovrà anche dire a Dzeko e compagni che sono bravi ragazzi. Altro che bravi: sarebbero da prendere a calci nel sedere. Più che Antonio Conte, per motivare un ambiente così deteriorato, ci vorrebbe l’altro Conte, Giuseppe, il premier che sopisce ogni contrasto: «Crisi? Quale crisi…? Vedrete sarà un anno bellissimo anche la per Roma…».
Se Roma piange, Milano non ride. Anche Vecchioni non canta più “luci a San Siro”. Forse San Siro è meglio buttarlo giù e metterci una pietra sopra. Un bel Centro commerciale. Un outlet per calciatori tristi e tatuati. Mentre Gattuso deve ancora riprendersi dalla papera di Gigio Donnarumma e capire come mai non arriva un pallone che sia uno a Piatek, Spalletti deve ancora capire le sue stesse dichiarazioni. L’unica cosa giusta che ha fatto, prima della partita con la Lazio, è stata quella di rispedire a casa Icardi, uno che manderebbe ai matti anche Mattarella. Poi l’Inter ha perso, ma questa non è certo una novità.

© Riproduzione riservata