Italia

Il Papa sui migranti: no alle paure, delinquenti anche tra noi

  • Abbonati
  • Accedi
vaticano

Il Papa sui migranti: no alle paure, delinquenti anche tra noi

«Dobbiamo accogliere tutti? Cuore aperto per accogliere, se ho un cuore razzista devo convertirmi». Il Papa torna sul tema dell’accoglienza dei migranti rispondendo a braccio alle domande di alcuni studenti dell’Istituto San Carlo di Milano in occasione dei 150 dalla fondazione. Parole forti pronunciate in un momento molto delicato in tema di sbarchi. «I migranti vanno ricevuti, accompagnati e integrati. Per integrare i governanti devono fare dei calcoli» ed è necessario «il dialogo tra i Paesi e questa è la bellezza della generosità umana. Ma alzare muri non serve”. Francesco quindi ribadisce la sua posizione contraria ad una accoglienza indiscriminata, ma che invece deve essere calibrata sulla possibilità di integrazione.

GUARDA IL VIDEO - BERGOGLIO: «REAGIRE ALLE MENTALITÀ XENOFOBE»

«La mafia non è stata inventata dai nigeriani, è nostra»
E a quanti guardano ai migranti in arrivo nei nostri paesi come a delinquenti, il Papa ha ricordato: «Anche noi ne abbiamo tanti, la mafia non è stata inventata dai nigeriani, la mafia è nostra; tutti abbiamo la possibilità di essere delinquenti. I migranti ci portano ricchezza perché l’Europa è stata fatta dai migranti». Parlando di una società multietnica, Bergoglio ha osservato: «Ringraziamo Dio perché il dialogo tra persone, culture, etnie è la ricchezza. Non avere paura dei migranti. I migranti siamo noi. Gesù è stato migrante. “Ma sono delinquenti”, dice qualcuno. Anche noi ne abbiamo tanti, la mafia non è stata inventata dai nigeriani, la mafia è nostra». Poi mette in guardia i giovani: «Oggi c’è la tentazione di fare una cultura dei muri, di alzare muri nel cuore, nella terra, per impedire questo incontro con altre culture. Chi alza un muro, finirà schiavo dentro i muri costruiti, senza orizzonti». Oggi, «state attenti a questo», ha detto Francesco, «c’è la tentazione di fare una cultura dei muri, alzare muri nei cuori e sulla terra. Ma chi costruisce i muri finirà schiavo dentro i muri che ha costruito».

«Le guerre ci sono perché i ricchi vendono le armi»
Un’altra risposta del Papa è sulle guerre: se ce ne sono così tante nel mondo è perché «la ricca Europa e l’America» vendono le armi, «armi per ammazzare i bambini, ammazzare la gente». «Perché tante guerre in Siria, Yemen, Afghanistan? - ha continuato il Pontefice rispondendo ad una altra domanda - Se loro non avessero le armi non farebbero la guerra. Sulla coscienza di un popolo che fabbrica le armi e le vende c'è la morte di ogni bambino. C’è la distruzione delle famiglia», ha continuato Francesco riportando un articolo dell’«Osservatore Romano» in cui si rivela che nel mondo ci sono oltre oltre 900 milioni di mine anti-uomo. «Sono state seminate... e dopo una guerra, il povero contadino che va a lavorare la terra muore o finisce mutilato perché trova uno di questi “semi”». E ancora: «Sono la ricca Europa e l’America a vendere le armi», ha continuato ribadendo: «Siamo noi a fare le differenze». Poi ha invitato i giovani: queste cose voi dovete dirle «chiaramente, in faccia, senza paura e se voi giovani non siete capaci di dire queste cose, non siete giovani, vi manca qualcosa nel cuore che vi faccia bollire». Alla fine un passaggio che ricorda come tutte questo arriva direttamenre dal Vangelo: «Padre, non sapevo che lei fosse comunista», ha detto il Papa facendo presente una possibile obiezione alle sue parole e replicando: «No, questo è quello che ci ha insegnato Gesù. Ed è questo il “protocollo” sul quale saremo giudicati» da Dio.

© Riproduzione riservata