Italia

Più unici che rari: sono under 30 solo 14 dirigenti pubblici su 169mila

  • Abbonati
  • Accedi
FORUM PA

Più unici che rari: sono under 30 solo 14 dirigenti pubblici su 169mila

Meglio un'apertura al cambiamento magari macchiata da qualche ingenuità o meglio un'esperienza solida, maturata in decenni sul campo, che può frenare l'innovazione ma conosce a menadito tutti gli anfratti delle prassi esistenti? Tutte le organizzazioni si pongono questo problema. Ma la pubblica amministrazione italiana ha fatto una scelta di campo che non sembra ammettere tentennamenti. Meglio l'esperienza. A confermarlo sono i numeri del Focus dedicato alla dirigenza pubblica dall'ultimo rapporto del Forum Pa, la cui edizione numero 30 è in corso in questi giorni a Roma.

GUARDA IL VIDEO / Pubblica amministrazione: under 30 solo 14 dirigenti su 169mila

Quota 0,0082%
È un solo numero, anzi, a chiudere le discussioni. E quel numero è 14. Sono 14 gli italiani inseriti nei ruoli della dirigenza pubblica prima di compiere 30 anni: con il risultato che è under 30 lo 0,0082% dei dirigenti pubblici italiani. In 5 casi si tratta di dirigenti tecnici della sanità, altri 5 si concentrano al Formez, e gli ultimi 4 sono sparsi (si fa per dire) nel resto della pubblica amministrazione italiana.

Calendario lento
Il dato fa rumore ma non stupisce. Da questo punto di vista la Pa raccoglie un’abitudine tutta italiana, che anche in tantissimi rami del settore privato trasforma le carriere in un lento processo di maturazione in cui i galloni si accumulano con pazienza negli anni. Negli uffici pubblici questa propensione è stata estremizzata dal lungo stop ad assunzioni e carriere, con una doppia mossa che per frenare la spesa ha finito per ingabbiare gli organici della Pa in un fermo-immagine quasi decennale. E a completare l'opera ci hanno pensato i lunghi processi di reclutamento, a cui i giovani spesso arrivano dopo una permanenza universitaria che ancora supera i calendari ordinari: anche da qui nasce l'idea a cui sta lavorando la ministra della Pa Giulia Bongiorno per una sorta di corso di laurea-concorso che porterebbe dritto a ruoli di funzionario e dirigente nella Pa.

Verso il maxi-esodo
Nel frattempo, oggi l'anagrafe della dirigenza disegna una piramide rovesciata che non sta più in piedi. Il dirigente-tipo ha un'età media di 55 anni, e nel 28,5% dei casi ha superato i 60 anni. Dati che ai piani alti della gerarchia della Pa renderanno ancora più intenso quell'esodo che in tutta la Pubblica amministrazione spingerà fuori ufficio mezzo milione di persone nei prossimi tre anni per l'effetto combinato di «quota 100» e dell'inesorabile scorrere del tempo.

© Riproduzione riservata

>