Italia

Arriva il cinema volante 3.0 ispirato al genio di Leonardo da Vinci

  • Abbonati
  • Accedi
a cinecittà world

Arriva il cinema volante 3.0 ispirato al genio di Leonardo da Vinci

Il fascino del volo è sempre stato uno tra i sogni più ambiziosi dell’umanità al quale anche Leonardo Da Vinci dedicò gran parte della sua vita. Vedere il mondo attraverso i suoi occhi da oggi sarà possibile grazie a un pool di imprese italiane, tedesche e americane, che ha ispirato un’opera che punta a rivoluzionare il concetto tradizionale di cinema. Arriva in Italia infatti “Il Cinema Volante - Volarium”, legato allo spirito ingegneristico di Da Vinci, profondamente conquistato dai segreti del volo, che cercava di carpire studiando la conformazione delle ali degli uccelli parallelamente alla logica delle correnti d'aria.

Gli spunti offerti dalla natura permisero a Leonardo Da Vinci di teorizzare i principi di aerodinamica e consegnarci una serie di strumenti realizzabili con la giusta meccanica, tra i quali il paracadute. Al parco tematico Cinecittà World un connubio tra cinema e tecnologia ha permesso la realizzazione di un imponente “flying theatre” ricco di effetti speciali, primo in Italia e secondo in Europa, che condurrà i visitatori, sospesi ad oltre 10 metri di altezza, sulle opere di Leonardo e sulla Firenze del ‘500.

Il viaggio degli ospiti comincia a terra, all’interno di un mega supercomputer. Siamo al cospetto dell'Intelligenza Artificiale più avanzata che ci guida tra i segreti degli effetti speciali del cinema: è D.I.O., il Digital Intelligence Officer. Un ascensore futuristico solleva fino al livello del cinema, una piattaforma elettro-idraulica che svetta nel grande teatro. Di fronte, l’immenso schermo concavo da 25 metri con proiezioni in 4K che ci avvolge e immerge letteralmente nella scena. Da qui la sensazione di volare, grazie ai 6 assi di movimento (DOF) e ai ricchi effetti speciali (aria, acqua, odori…). Al cinema lo spettatore è fermo in poltrona, mentre la scena intorno a lui si muove. Con Volarium si supera questa sensazione, perché lo spettatore vola e si muove seguendo esattamente il punto di vista della telecamera (POV).

© Riproduzione riservata


>