Italia

Telefoni, attenti ai contratti: come evitare sorprese sui costi

  • Abbonati
  • Accedi
IL LUNEDI DEL SOLE 24 ORE

Telefoni, attenti ai contratti: come evitare sorprese sui costi

Riuscire a orientarsi nella selva delle decine di proposte contrattuali che arrivano in continuazione dalle compagnie telefoniche non è sempre facile. Anzi, spesso si rivela un rompicapo per i clienti. Senza dimenticare le controversie che si trascinano da tempo sui costi addebitati agli utenti, come testimonia l'ultimo intervento del Consiglio di Stato sulla questione della fatturazione a 28 giorni: i giudici hanno chiesto agli operatori di attuare un piano di rimborso per la clientela, in attesa della sentenza definitiva, prevista per luglio 2019.

In agguato ci sono tariffe non sempre chiare, possibili addebiti non dovuti e vincoli difficili da notare a una prima lettura.

A queste e ad altre difficoltà risponde la Guida Rapida dell'Esperto risponde (“Diritti dei consumatori – I contratti telefonici”) in edicola lunedì 27 maggio con Il Sole 24 Ore.

Le quattro pagine della Guida rappresentano una bussola per procedere senza errori nei molteplici momenti che caratterizzano il rapporto con le compagnie telefoniche, sia per la rete fissa che per quella mobile. Si va dalla procedura da seguire nelle varie fasi alle garanzie per gli utenti, come ad esempio la possibilità di stipulare contratti di accesso a Internet senza l'obbligo di accettare il modem proposto dalla compagnia telefonica. E ancora: dal diritto alla trasparenza allo scudo offerto dalle Authority contro le possibili brutte sorprese.

Imu e Tasi alla cassa per l'acconto, ma i rincari 2019 slittano a dicembre
Fra tre settimane i proprietari di seconde case, altri fabbricati, aree edificabili e terreni non esenti sono chiamati alla cassa per l'acconto Imu e Tasi 2019. Quello di lunedì 17 giugno (il 16 è domenica) è il primo appuntamento dopo che la legge di Bilancio ha rimosso lo stop ai rincari comunali, operativo dal 2016. Ma i proprietari possono ignorare, almeno per ora, le delibere e gli eventuali aumenti decisi dai Comuni per quest'anno: la maggiore imposta, infatti, può essere versata tutta in occasione del saldo del prossimo 16 dicembre, a conguaglio.

Il boom degli affitti brevi finisce nel mirino dei condomìni
Sono sempre più frequenti le assemblee condominiali convocate per discutere e deliberare sulla possibilità di modificare il regolamento per vietare lo svolgimento di attività di B&B o di affitto breve, svolte dai vicini di casa. Ma, nonostante gli ormai numerosi interventi dei giudici, manca ancora un preciso orientamento sia sulla natura delle attività ricettive, sia sulle modalità e i tempi con cui il regolamento può impedirne lo svolgimento all'interno del condominio.

© Riproduzione riservata


>