Italia

Estate in Italia: prenotazioni a rilento, primo calo in 5 anni

  • Abbonati
  • Accedi
turismo

Estate in Italia: prenotazioni a rilento, primo calo in 5 anni

Per la prima volta da cinque anni a questa parte le previsioni per il turismo estivo in Italia hanno il segno meno. Tra giugno e agosto sono attese 205 milioni di presenze, quasi 2 milioni in meno rispetto all'estate 2018 (-0,9%). Il calo coinvolge turisti italiani (-1,1%) ed esteri (-0,8%) ed è dovuto al meteo ancora incerto - che non favorisce le prenotazioni - ma anche alla ripartenza delle destinazioni "competitor" del Belpaese nell'area del Mediterraneo, frenate in passato dalle tensioni internazionali. A dare l'allarme è il Centro studi turistici per Assoturismo Confesercenti.

Meteo pazzo e bilancio in negativo
Non a caso a soffrire sono soprattutto le aree costiere italiane (-1,4%), mentre i risultati migliori questa estate li avranno le imprese ricettive che operano nelle città d'arte e nei centri minori (-0,4%) e nelle località lacustri, dove si registra una domanda estera in leggerissima crescita (+0,2%). Le aree del nostro Paese con le proiezioni meno favorevoli sono il Centro e il Sud/Isole (-1,4%). Più resilienti Nord Est e Nord Ovest, rispettivamente al -0,7% e al -0,3 per cento. Alle previsioni non entusiasmanti per la prossima stagione estiva si aggiunge un consuntivo della prima parte dell'anno a dir poco deludente: sempre a causa del meteo pazzo, infatti, la stagione primaverile non è mai decollata, e tra gennaio e maggio si è registrato un calo di -1,7 milioni di presenze rispetto al 2018.

Messina (Assoturismo): interventi di tutela e contro abusivismo
«Il turismo italiano è in un momento delicato» commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti, a margine di un convegno sulle proposte per il rilancio del settore connesse al Ddl delega in materia di turismo promosso dal ministro del turismo Gian Marco Centinaio (AC 1698, all'esame della Camera). «La spinta propulsiva degli anni scorsi si sta esaurendo e riemergono le problematiche mai risolte del settore, dalle carenze infrastrutturali all’abusivismo. La delega al governo in tema di turismo è un'occasione per portare a casa una riforma mirata alla crescita: servono interventi per individuare e tutelare le figure professionali del turismo, ma anche un contrasto più efficace all'abusivismo ricettivo e un piano per ridurre le tasse sul settore».

Sul turismo pressione fiscale da record
La pressione fiscale sul settore turistico nazionale è una delle maggiori in Europa, pari a circa 2,6 miliardi di euro l'anno, e colpisce soprattutto gli stranieri. A pesare è soprattutto l'Iva sui prodotti turistici (l'1,5% in più rispetto alla media Ue), e la tassa di soggiorno particolarmente gravosa: la sua incidenza arriva a superare l 10% del costo di pernottamento di una famiglia in vacanza, con un gettito atteso per il 2019 (secondo una stima dell'Osservatorio Jfc riportati in una ricerca del Centro Europa Ricerche per Confesercenti) di oltre 530 milioni di euro. Secondo Jfc sarebbero 1.128 (stima al 2019) i Comuni che applicano la tassa di soggiorno pari al 14,3% del totale delle amministrazioni comunali e al 19,3% degli enti ad attrattività turistica. Quest'ultimo dato segna un aumento di 3 punti
rispetto alla ricognizione svolta tre anni dalla Banca d'Italia, dalla quale risultava che già allora l'imposta colpiva, pur con ampia dispersione regionale, quasi il 72% delle presenze turistiche in Italia.

© Riproduzione riservata

>