Italia

Dal ritorno dell’Egitto alla new entry Portogallo: ecco le mete…

  • Abbonati
  • Accedi
la competzione nel turismo

Dal ritorno dell’Egitto alla new entry Portogallo: ecco le mete che insidiano l’Italia

C’è il Portogallo che vive una stagione benedetta e fa incetta di premi come migliore destinazione. La vicina Spagna che ormai dopo aver superato gli Usa come seconda meta al mondo più scelta dai turisti si avvicina al primo posto ancora detentuto dalla Francia. E poi c’è l’Egitto che dopo gli allarmi sicurezza del passato è tornato nei radar del turismo internazionale, così come la Turchia che nel 2018 ha avuto un anno record. Per l’Italia - quinta destinazione al mondo (era la prima negli anni ottanta) - la competizione nel turismo, unico settore mai in crisi, è tornata ad essere molto agguerrita.

In questi giorni sono arrivate le prime previsioni anche se si tratta ancora di stime e sensazioni. Come quelle di Assoturismo Confesercenti che per la prima volta da cinque anni a questa parte prevede una estate in Italia con il segno meno. Tra giugno e agosto sono attese 205 milioni di presenze, quasi 2 milioni in meno rispetto all'estate 2018. In più nei primi mesi della stagione ha pesato il tempo molto instabile che ha pregiudicato le partenze nei tanti ponti dello scorso mese. Più ottimista invece Confindustria Alberghi. «Le condizioni meteo estreme di quest’anno hanno danneggiato la destinazione mare - si legge in una nota dell’Associazione - Il mese di maggio è perso, ma confidiamo che il resto della stagione riprenda da dove di era interrotta. Non si riuscirà a recuperare oltre un mese di ombrelloni chiusi, ma la tendenza della domanda resta saldamente positiva».

Resta il fattoche negli ultimissimi anni i competitor dell’Italia si sono fatti più forti, con Egitto e Turchia che sono tornati in pista dopo le tensioni del passato o con i prezzi più convenienti da Spagna, Grecia e Croazia. Ci sono poi new entry importanti come il Portogallo che già da tempo macina record nel turismo. Oltre al boom di arrivi che crescono a una media del 10% l’anno il Paese lusitano ha vinto nel 2017 e nel 2018 il premio come migliore destinazione nel mondo dai World Travel Awards e ha vinto il premio di miglior destinazione in Europa per tre anni consecutivi. Inutile ricordare i record della vicina Spagna che ha superato ormai gli 82 milioni di arrivi dall’estero (60 milioni quelli in Italia) e incassa circa 80 miliardi dal turismo internazionale. Record che fanno avvicinare Madrid a Parigi che guida ancora la classifica internazionale delle destinanzioni più scelte nel mondo.

In grande ripresa è poi l’Egitto che ha accolto nel 2018 oltre 11 milioni di turisti. Gli italiani che hanno visitato il Paese dei Faraoni nel 2018 sono stati 421mila: il nostro è il quarto paese europeo in termini di arrivi dopo Germania (1,7 milioni), Ucraina (1,1 milioni) e Regno Unito (435mila) con un +65% rispetto al 2017. I turisti oltre che sul Mar Rosso sono tornati in massa anche nella Valle del Nilo, al Cairo, El Alamein, con una ripresa anche delle crociere sul Nilo. Il 2018 è stato un anno record per il turismo anche in Turchia. Dopo la fine del periodo di crisi legato agli allarmi sulla sicurezza, tra attentati terroristici e il tentativo fallito di colpo di stato del 2016, il Paese ha sfiorato la soglia dei 39,5 milioni di visitatori stranieri, con un aumento annuo del 21,8%, secondo i dati resi noti dal ministero del turismo.

© Riproduzione riservata

>