ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse, novembre inizia in rialzo. Wall Street tiene i record, spread sopra 130

Dopo un ottobre positivo, Piazza Affari sopra 27mila punti, per la prima volta da settembre 2008. Parigi e Francoforte aggiornano i massimi. Attesa per la Fed

di Andrea Fontana e Eleonora Micheli

La Borsa, gli indici del 1° novembre 2021

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le Borse europee inaugurano con un buon rialzo il mese di novembre dopo aver registrato in ottobre una performance positiva e Piazza Affari aggiorna i massimi da settembre 2008 con l'indice FTSE MIBsopra quota 27mila punti. Tutti al rialzo i principali indici: oltre a Milano, il DAX 40 di Francoforte è al top storico e avvicina 19mila punti, record assoluto anche per il CAC 40 di Parigi mentre Londra e Madrid tornano sono ai livelli di inizio 2020.Intanto a Wall Street gli indici consolidano i rispettivi record.

L'appuntamento centrale della settimana è la riunione della Federal Reserve in calendario il 2 e 3 novembre. La banca centrale potrebbe annunciare l'inizio del tapering, ovvero della riduzione del programma di acquisto di bond da 120 miliardi di dollari al mese, avviato per sostenere l'economia durante la crisi provocata dalla pandemia. Giovedì si riunirà poi anche il consiglio direttivo della Bank of England. Intanto, nonostante banchieri e tecnici (ultima la Segretaria di Stato Usa, Janet Yellen) rassicurino che l'impennata dell'indice
dei prezzi dovrebbe essere temporanea, gli investitori si pongono dubbi e fanno correre i rendimenti dei titoli di stato: il rendimento del Btp a dieci anni ha chiuso all'1,23%
con lo spread spiccato sopra 131 punti.

Loading...

Wall Street aggiorna ancora i record, Dow a 36mila punti

Andamento sopra la parità per Wall Street, che aggiorna comunque i massimi intraday, dopo la chiusura record del 29 ottobre, al termine di un mese molto positivo (gli indici hanno guadagnato circa 7 punti). Il Dow Jones ha superato temporaneamente anche quota 36mila punti. In attesa delle decisioni della Fed, a sostenere la Borsa americana è la stagione delle trimestrali, che prosegue in modo più che positivo: finora, oltre l'80% delle società che hanno pubblicato le trimestrali (quasi la metà di quelle quotate sullo S&P 500) ha registrato un utile per azione superiore alle stime, secondo Refinitiv, che stima una crescita dei profitti nel terzo trimestre dell'anno di circa il 38,6%.

Usa, manifatturiero rallenta a ottobre

L'indice sull'attività manifatturiera statunitense è diminuito a ottobre più delle attese. Il dato - stilato da Ihs Markit - che ne misura l'andamento e' sceso a 58,4 punti, dopo i 60,7 punti di settembre e i 59,2 della lettura preliminare di ottobre; gli analisti attendevano la conferma dei 59,2 punti. Si tratta della peggiore lettura dell'anno, provocata dalle strozzature alle catene di approvvigionamento e dalle difficoltà per le aziende di trovare la manodopera. Un dato al di sopra dei 50 indica un'espansione rispetto al mese precedente, mentre uno al di sotto dei 50 indica una contrazione. Anche l'indice Ism sul manifatturiero conferma il calo di ottobre anche se la lettura è stata leggermente migliore delle previsioni e l'attività resta espansiva da 17 mesi consecutivi.

Eni al top dell'anno, Tenaris capofila. Giù Nexi

A Piazza Affari, come nel resto d'Europa, hanno corso le azioni petrolifere, beneficiando anche dell'andamento del petrolio. In particolare Eni ha aggiornato nuovi massimi
dell'anno, festeggiando ancora la trimestrale annunciata la scorsa settimana. Tenaris ha fatto da capofila del Ftse Mib. Ferrari si è spinta su nuovi record sopra a 210 euro. Della galassia Agnelli sono andate bene anche le Cnh e le Stellantis, quest'ultime nell'attesa delle immatricolazioni italiane che saranno pubblicate il 2 novembre e in vista di possibili notizie su un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per la controversia sulle emissioni nocive. Per contro Nexi ha perso quota proseguendo la fase di flessione in parallelo con la concorrente francese Worldline che ha fornito indicazioni caute per fine anno. Ancora sottotono Banca Pop Er dopo il tonfo registrato venerdì 29 ottobre, quando il titolo (insieme a quello di Banco Bpm) è stato fortemente penalizzato sul venir meno dell'appeal speculativo sul fronte M&A, alla luce dell'abbassamento degli incentivi alle fusioni bancarie introdotte con la Legge di Bilancio 2022 presentata dal Governo. Tra i migliori Moncler spinta da una raccomandazione di Citi.

A Parigi ancora da record Essilorluxottica arrivata a capitalizzare 80 miliardi di euro nel giorno in cui diverse case d'investimento confermano, dopo i conti trimestrali, la scommessa sull'ulteriore corsa del titolo e la raccomandazione "comprare": Stifel la vede a 200 euro, Equita a 195 euro, Ubs a 187 euro.

Spread ancora in rialzo, chiude a 132 punti

Continua a salire lo spread tra BTp e Bund che aggiorna i massimi della scorsa settimana e segna un nuovo record dall'insediamento del Governo Draghi a febbraio 2021. A fine seduta il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005436693) e il pari durata tedesco, si è attestato a 132 punti base, dai 128 del closing di venerdì dopo aver toccato anche quota 135 punti base. Sale anche il rendimento del BTp decennale benchmark, che ha segnato un'ultima posizione all'1,23% dall'1,18% del finale di venerdì scorso.

Il cambio euro / dollaro
Loading...

Euro stabile, yen ai minimi dal 2017 sul dollaro

Sul fronte dei cambi, la moneta unica sale sul biglietto verde e vale 1,1589 dollari (1,1556 venerdì in chiusura). «Gestire l'inflazione rimane in cima alla lista delle cose da fare della Fed e i dati macro di venerdì hanno ulteriormente aumentato la possibilità dell'inizio del tapering che sarà annunciato più tardi questa settimana, uno scenario che probabilmente creerà più upside per il biglietto verde nel breve termine», commentano gli analisti di ActivTrades. Lo yen perde posizioni dopo che il partito liberal-democratico ha vinto le elezioni per il rinnovo della Camera bassa con un risultato superiore alle aspettative. Questo risultato fornisce un solido sostegno al primo ministro Fumio Kishida ma non sembra essere stato ben metabolizzato dai mercati valutari. Secondo Lee Hardman, analista di Mufg, il risultato elettorale non cambia le prospettive per lo yen che risente di una politica monetaria espansiva. La valuta nipponica tratta a 114,22 yen per un dollaro, avvicinandosi al minimo da novembre 2017. Lo yen è in calo anche sull'euro con una flessione a 132,17 yen. La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo del 2,6% (NIKKEI 225).

Petrolio in rialzo: Wti sopra gli 84 dollari al barile

Sale il prezzo del petrolio: il contratto consegna gennaio sul Brent del Mare del Nord tratta a 84,6 dollari al barile e quello scadenza dicembre sul Wti tratta in area 84,06 dollari al barile. Gli operatori guardano alle decisioni dei Paesi aderenti al cartello Opec+ che incontreranno giovedì 4 novembre e che potrebbero valutare un incremento della produzione.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti