nubifragi e vento

Maltempo sul Nord Ovest: due morti. Nuovo peggioramento domenica. Crollano ponti sul fiume Sesia e nel Piacentino

Esonda la Dora Baltea, crolla palazzina a Limone Piemonte, in Francia almeno due vittime

Maltempo al Nord, tra frane e allagamenti, ma il Mose funziona

Esonda la Dora Baltea, crolla palazzina a Limone Piemonte, in Francia almeno due vittime


7' di lettura

Fortissima ondata di maltempo nel Nord Est d’Italia, con due vittime, dispersi, crollo di ponti e fiumi che hanno superato gli argini. In Val d’Aosta un vigile del fuoco volontario di Arnad è morto a causa di pianta cadutagli addosso durante un intervento di soccorso nel paese della bassa Valle d'Aosta. È stato recuperato a Bettole, frazione di Borgosesia (Vercelli), il corpo del ragazzo disperso nell'incidente di questa notte sulla strada provinciale Doccio-Crevola. Lo rende noto il sindaco di Quarona, Francesco Pietrasanta, paese in cui il ragazzo abitava con il fratello. In evoluzione la situazione dei numerosi dispersi tra la provincia di Cuneo e la francese Val Roja.


Coldiretti-Aipo, livello Po salito di 6 metri

In seguito ai nubifragi, nelle ultime 24 ore il livello del fiume Po è salito di sei metri e sono sotto pressione anche i laghi Maggiore e di Como. È quanto emerge da un'elaborazione della Coldiretti sulla base del monitoraggio dell'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo). Il rapido innalzamento del Po, si legge in una nota della Coldiretti, “è emblematico della situazione di sofferenza del bacino idrografico del Nord in cui si sono verificate esondazioni dei corsi d'acqua con frane e allagamenti, morti e dispersi”. Gravi i danni nelle campagne, con raccolti distrutti e animali dispersi.

Loading...

In Piemonte un morto e un disperso

Secondo le informazioni diffuse da Vigili del fuoco e Protezione civile, numerose persone sono state recuperate e tratte in salvo e le operazioni sono ancora in corso. L’ultimo bilancio della Regione Piemonte, in sintesi, dice che è stato «chiesto lo stato di emergenza insieme alla Liguria per gli enormi danni al territorio. In 24 ore la pioggia caduta ha superato il record storico dal 1958». Inoltre, «domenica mattina sopralluogo del presidente della Regione in alcune delle aree colpite.Il duro bilancio della calamità che nelle scorse ore ha colpito il Piemonte è di una vittima e un disperso».

Nuovo peggioramento domenica

Secondo le previsione di 3bmeteo.com, per la giornata di domenica è atteso un nuovo intenso peggioramento a partire dalle regioni di Nord Ovest, dove sono previsti rovesci e temporali. Al Centro tempo instabile con piogge e acquazzoni sparsi, più diffusi ed intensi sulla Toscana settentrionale. Temperature in lieve diminuzione. Al Sud tempo discreto con cieli irregolarmente nuvolosi; quache fenomeno sarà posisbile sulla Campania settentrionale.

L’omaggio del presidente Mattarella alle vittime

“Voglio ricordare le vittime del maltempo che si è abbattuto su Piemonte e Valle d'Aosta ed esprimere solidarietà ai familiari. Auspico il veloce ritrovamento di tutte le persone disperse, esprimo vicinanza ai territori colpiti e preoccupazione per le condizioni difficili che si sono prodotte in quei territori”. E' l'omaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alle vittime del maltempo, in apertura del concerto al Quirinale in ricordo di Dante.

Crollano due ponti sul Sesia e nel Piacentino

Il ponte che collega Romagnano Sesia e Gattinara, che passa sopra il fiume Sesia, è crollato. A darne notizia, poco fa, la Provincia di Vercelli. Si tratta di un viadotto di competenza della Provincia di Novara ed è un'arteria fondamentale per il traffico diretto in Alta Valsesia e di collegamento con i paesi della Bassa Valle, in particolare Gattinara. Sconcerto tra gli amministratori locali: il tratto di strada era stato riaperto alle 12 ed era stata fatta una diretta Fb dei due sindaci, Alessandro Carini di Romagnano e Daniele Baglione di Gattinara, proprio sopra il viadotto. «Mai - ha scritto il sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani, postando l'immagine del ponte in frantumi - avrei pensato di vedere questo»

Nubifragi nel Nord-Ovest

Nubifragi nel Nord-Ovest

Photogallery22 foto

Visualizza

Un altro ponte sulla strada statale 45, in Alta Valtrebbia nel Piacentino, è crollato oggi intorno alle 15. Si tratta del Ponte Lenzino, tra i paesi di Marsaglia e Ottone, in comune di Cortebrugnatella, a circa 80 chilometri da Piacenza. Non risulta ci siano feriti. La strada statale che congiunge Piacenza a Genova è chiusa. Il ponte è da anni ammalorato - all'inizio dell'anno è stato oggetto di parziali lavori di messa in sicurezza - e a causarne il crollo potrebbe essere stata la piena del torrente Trebbia, in queste ore particolarmente violenta. L'abitato di Ottone - ultimo comune piacentino ai confini con la provincia di Genova - è ora raggiungibile solo dal versante ligure.

A Limone Piemonte crolla palazzina di tre piani

Ponti distrutti, strade chiuse, persone isolate. È finita nella notte la pioggia ma in due valli del Cuneese (Vermenagna verso la Francia e Tanaro verso la Liguria) la situazione è disastrosa. La Provincia di Cuneo ha chiuso ieri il colle dell'Agnello per neve, la Entracque-San Giacomo per Terme di Valdieri; la statale 20 è chiusa a Vernante (a valle di Limone), e non è transitabile anche la strada per il colle della Lombarda (alberi schiantati sulla carreggiata). Dalle 4 di oggi chiusa la Sp 12, Fondovalle Tanaro, da Bastia a Monchiero. Il Tanaro ha esondato a Ceva e Nucetto e il ponte romano di Bagnasco, simbolo del paese, è crollato nella notte per la piena: era stato restaurato dopo l'alluvione del 1994.

Ingenti i danni causati nel centro di Limone, di fatto isolata, dal torrente Vermenagna (acqua alta fino a 1,5 metri in paese, il parcheggio sotterraneo allagato) e anche i vigili del fuoco hanno rischiato di finire in una voragine scavata nell'asfalto dalle acque del torrente. Nel paese ci sono black out, decine di auto finte sott'acqua, danni ingenti.E' crollata anche una palazzina di tre piani in ristrutturazione accanto al corso d'acqua. Restano impossibili i collegamenti con la francese valle Roya, dove da ieri ci sono persone isolate tra le due frane che hanno interrotto la Route departementale verso Liguria e Costa Azzurra, con tratti di strada portati via dalla furia dell'acqua.

Liguria: Comune isolato, serve treno per studenti

I comuni di Airole (circa 400 abitanti) e Olivetta San Michele (224 abitanti) sul versante italiano della val Roya sono praticamente isolati dalla scorsa notte, da quando la piena del Roya ha provocato il crollo della statale 20, poco prima della galleria di frazione Trucco, a Ventimiglia. Tra Olivetta San Michele e Breil la strada è di nuovo crollata, ma stavolta sul versante francese. Da segnalare anche il crollo dello storico ponte pedonale romano di frazione Fanghetto a Olivetta.

Olivetta e Airole sono senza luce e per raggiungere la costa sono costretti a percorrere circa 36 chilometri in auto, passando da Sospel e Mentone, in Francia, proseguendo per Ventimiglia. “Chiediamo almeno un treno per gli studenti - afferma il sindaco di Olivetta Adriano Biancheri - e un presidio sanitario, ad esempio un'ambulanza”. Al momento, infatti, il collegamento con Ventimiglia è interrotto anche ai mezzi di soccorso. Impossibile, dunque, proseguire per il Piemonte e tornare indietro verso la costa. L'unica alternativa è la strada che porta a Mentone.

Esonda la Dora Baltea, chiusa la Torino-Aosta

È stata chiusa per precauzione, a causa dell'esondazione del torrente Dora, l'autostrada A5 Torino-Aosta tra gli svincoli di Quincinetto e Scarmagno. Lo ha reso noto Ativa, la società che gestisce il tratto Torino-Quincinetto. Sono segnalate code in uscita e traffico intenso a Ivrea.

Isolata l’alta Val d’Ossola

Alta Ossola isolata a causa del forte maltempo di questa notte. I treni da e per la Svizzera sono bloccati per un'interruzione della linea tra Iselle e Varzo, le due stazioni a ridosso della galleria del Sempione. Sul tratto italiano verso Milano i treni sono in forte ritardo per alcuni problemi alla stazione di Mergozzo, completamente allagata. Chiusa la superstrada dell'Ossola che da Gravellona Toce sale verso il confine di Iselle di Trasquera.

Gli automobilisti vengono fermati a Gravellona mentre i turisti che devono andare verso il nord Europa sono dirottati sull'autostrada Como Chiasso. Strade interrotte a Migiandone, frazione di Ornavasso, Pieve Vergonte e Pallanzeno, tutte a causa dell'esondazione del fiume Toce. Chiusa anche la statale 659 a Formazza, all'altezza di Valdo a causa di una frana caduta qualche anno fa che si è ancora mossa. Intanto in diversi paesi dell'Ossola sono stati ripristinati i collegamenti telefonici, la rete Internet e l'energia elettrica, interrotte da stanotte.

Piena su un cimitero, spazzate via le bare

Anche il camposanto di Trappa, frazione di Garessio (Cuneo), è stato travolto dall'eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta sul Nord Ovest. Molte tombe sono state spazzate via dai fiume esondati. L'onda ha portato via anche bare, sino a Garessio e Bagnasco.

In Alto Adige frane, smottamenti e strade chiuse

La pioggia insistente ha provocato smottamenti e frane in Alto Adige, che hanno comportato un grande lavoro da parte dei vigili del fuoco, soprattutto nella zona della val Passiria. Sotto osservazione c'è anche il livello del fiume Adige. Il forte vento e l'acqua caduta in grande quantità hanno causato anche problemi alla viabilità, sono quindi state chiuse per motivi si sicurezza diverse arterie, tra cui la strada provinciale della val d'Ultimo e anche quella verso il passo di Costalunga. Chiuse anche la strada verso il passo Rombo a partire da San Leonardo, come pure la strada della val Martello a Ganda e il passo di Lavazè.

17 persone isolate da una frana nel Bresciano

Un gruppo di 17 persone è isolato nella frazione Sant'Antonio di Corteno Golgi, nel Bresciano, dopo che il distacco di una frana con un fronte di circa 100 metri ha interrotto l'unica strada che collega il piccolo centro. Un elicottero dei Vigili del fuoco è partito per recuperare il gruppo.

In Francia almeno due vittime

Almeno due persone sono morte nei nubifragi e inoindazioni che ha colpito il sud-est della Francia: due corpi sono infatti stati ritrovati, scrive sul suo sito Le Figaro. È stato invece ritrovato vivo uno dei dispersi ufficiali, un gendarme. I dispersi “accertati” sono ora sei, mentre ce ne sono tre presunti. Il primo ministro francese, Jean Castex, ha espresso oggi la sua «forte preoccupazione per il bilancio definitivo» del maltempo nelle Alpi Marittime, dove oltre ai dispersi si resta senza notizie «di molte persone». «Il bilancio - ha detto il premier - è al momento di almeno 8 dispersi sicuri, e di molte persone siamo senza alcuna notizia. Non vi nascondo la nostra forte preoccupazione per il bilancio definitivo».

Attesa neve in valle d’Aosta, sale pericolo valanghe

Cala da moderata a ordinaria (dal colore arancio al giallo) l'allerta maltempo in Valle d'Aosta. Alla criticità idrogeologica su tutto il territorio regionale, idraulica nella vallata centrale e nella zona sud orientale si aggiunge quella legata al pericolo valanghe nelle valli del Gran Paradiso, di Champorcher, di Gressoney, di Ayas e nel Comune di Valtournenche. Lo riporta il bollettino emesso nel pomeriggio dal Centro funzionale regionale. Sono previsti “rovesci sparsi, più intensi tra stasera e domattina in alta valle e domani sera presso il Piemonte, neve a 1.800-2.000 metri, in calo a 1400-1600 metri” nella giornata di domenica.

«Gli eventi valanghivi di magnitudo maggiore (medie e grandi valanghe) - si legge - saranno prevalentemente localizzati in zone non antropizzate, oppure potranno essere fenomeni già noti alla comunità, con un'elevata frequenza di accadimento. Non si escludono fenomeni di piccole dimensioni che possano comunque interferire con le infrastrutture». Inoltre «date le condizioni di saturazione e precipitazioni localmente anche forti si possono innescare cadute di massi e frane superficiali, causando interruzioni temporanee della viabilità, danni localizzati ad infrastrutture, singoli edifici e attività antropiche. Per quanto riguardo la Dora Baltea, si prevede che i livelli si manterranno ancora per oggi su un livello di attenzione».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti