I QUATTRO ANELLI

Nuova Audi A3 Sedan, la berlina diventa coupé

L'Audi A3 Sedan arriva alla seconda generazione anche in versione mild hybrid. In concessionaria dal terzo trimestre 2020

di Simonluca Pini

default onloading pic

L'Audi A3 Sedan arriva alla seconda generazione anche in versione mild hybrid. In concessionaria dal terzo trimestre 2020


4' di lettura

La nuova Audi A3 Sedan si rinnova seguendo il corso stilistico lanciato dalla quarta generazione della media di Ingolstadt. La berlina compatta diventa più sportiva e si aggiorna sulle motorizzazioni, sulla digitalizzazione e sui sistemi di guida autonoma. Attesa in concessionaria dal terzo trimestre 2020, al debutto arriverà in abbinamento alle motorizzazioni 2.0 Tdi da 150 cavalli e 1.5 Tfsi con tecnologia mild hybrid a 48 volt e disattivazione dei cilindri. Sul fronte della connettività arriva il protocollo Car to X e Alexa a bordo.

Audi A3 Sedan 2020, dimensioni
Il frontale della seconda generazione della berlina dei quattro anelli è contraddistinto dall'ampio single frame esagonale con griglia a nido d'ape. Una caratteristica che, abbinata alle generose prese d'aria squadrate e all'incisivo paraurti, sottolinea il carattere dinamico di nuova Audi A3 Sedan. Inediti i gruppi ottici anteriori che, nella configurazione top di gamma, si avvalgono dei proiettori a LED Audi Matrix integranti le luci diurne a elevata digitalizzazione: un'innovativa matrice luminosa, composta da 15 diodi attivabili singolarmente, consente di generare un motivo specifico in funzione delle versioni vettura. Rispetto al modello precedente, la lunghezza della berlina a quattro porte aumenta di quattro centimetri, toccando i 4,5 metri a fronte del passo invariato. La vettura cresce in larghezza di 2 centimetri, sino agli attuali 1,82 metri, mentre l'altezza è pari a 1,43 metri: un centimetro in più rispetto al passato.

Audi A3 Sedan, tutte le foto della nuova berlina coupé

Audi A3 Sedan, tutte le foto della nuova berlina coupé

Photogallery12 foto

Visualizza

Nuova Audi A3 Sedan, interni
La plancia di nuova Audi A3 Sedan s'ispira ai modelli Audi di categoria superiore: lo schermo touch da 10,1” dal feeling acustico, di serie, consente di gestire la selezione dei media, la navigazione e l'ampia gamma di servizi Audi connect. Il display centrale si fonde armoniosamente nella cornice in nero lucido al centro della plancia. L'insieme è orientato al conducente, analogamente alla sottostante, inedita, unità di comando della climatizzazione. L'estensione del look Black Panel alla sezione di plancia a sinistra del volante enfatizza ulteriormente l'ampiezza dell'abitacolo. La strumentazione di nuova Audi A3 Sedan è digitale: il display da 10,25”, di serie, consente di selezionare le informazioni mediante il volante multifunzione. In abbinamento al sistema di navigazione MMI plus con MMI touch è previsto l'Audi virtual cockpit da 10,25”. Lo step superiore, vale a dire l'Audi virtual cockpit plus da 12,3”, consente di optare per differenti layout, inclusa una grafica spiccatamente sportiva. Tra le dotazioni a richiesta spicca l'head-up display, che proietta – a colori – le principali informazioni sul parabrezza. La piattaforma modulare d'infotainment di terza generazione MIB 3 è caratterizzata da una potenza di calcolo dieci volte superiore al sistema MIB 2 appannaggio del precedente modello e interagisce con l'inedita Communication Box, fisicamente separata, che oltre a raggruppare tutte le funzioni relative alla connettività, ad esempio la telefonia o i servizi Audi connect con velocità LTE Advanced, integra anche l'hotspot Wlan.

Audi A3 Sedan 2020, guida autonoma di livello 2
Grazie all'Audi pre sense front, all'assistente agli ostacoli (collision avoid assist) e all'assistenza al mantenimento della corsia – dotazioni tutte di serie sin dalla versione d'ingresso – la A3 Sedan 2020 arriva al secondo livello di guida autonoma. Sfruttando l'interazione della telecamera frontale con il radar anteriore, l'Audi pre sense front previene gli impatti con altri veicoli, pedoni e ciclisti. Il collision avoid assist sfrutta le medesime tecnologie di rilevamento ambientale e assiste il conducente mediante una frenata mirata, applicando al contempo una ridotta coppia sterzante. A partire da una velocità di 65 km/h, il sistema di assistenza al mantenimento della corsia supporta il guidatore nel mantenere la vettura all'interno della corsia di marcia. Se l'auto si avvicina alla linea di demarcazione senza che il conducente abbia attivato l'indicatore di direzione, il sistema contribuisce a riportare la vettura in carreggiata, effettuando degli interventi correttivi allo sterzo. A richiesta, sono disponibili ulteriori tecnologie quali l'assistenza al cambio di corsia, l'avviso di uscita, l'assistente al traffico trasversale posteriore e l'adaptive cruise assist.

Audi A3 Sedan ibrida e motorizzazioni
Al lancio, la seconda generazione della berlina a quattro porte può contare su due motori TFSI e un propulsore Tdi. Partendo dai benzina, il 1.5 (35) TFSI, forte dell'iniezione diretta e del sistema cylinder on demand , che disattiva due cilindri ai carichi medi e bassi, eroga 150 CV ed è disponibile in due configurazioni: con il rinnovato cambio manuale a 6 marce (consumi nel ciclo combinato WLTP di 5,8 – 6,2 litri ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 131 – 142 grammi/km) oppure con la trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti (consumi nel ciclo combinato WLTP di 5,6 – 6,1 litri ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 127 – 138 grammi/km). Optando per la variante S tronic, il 1.5 TFSI si avvale della tecnologia mild-hybrid. La rete di bordo a 48 Volt, spina dorsale del sistema MHEV, vede l'alternatore-starter azionato a cinghia (RSG) integrare in un unico modulo la connessione al propulsore termico e il motore elettrico. Sul fronte del diesel, al lancio, la nuova Audi A3 Sedan è disponibile con il 2.0 TDI da 150 CV abbinato anch'esso alla trasmissione S tronic a 7 rapporti (consumi nel ciclo combinato WLTP di 4,5 – 4,9 litri ogni 100 chilometri ed emissioni di CO2 di 118 – 129 grammi/km). Cambio a doppia frizione che, nello specifico, si avvale di un innovativo selettore con tecnologia shift-by-wire: gli input raggiungono la trasmissione esclusivamente sotto forma d'impulsi elettrici. Successivamente al lancio debutteranno due ulteriori motori: la versione da 116 CV del 2.0 TDI, corredata del cambio manuale a 6 marce, e il tre cilindri 1.0 TFSI da 110 CV abbinato alla trasmissione meccanica oppure a doppia frizione.Passando alla dinamica di guida a richiesta sono disponibili le sospensioni sportive, caratterizzate da una taratura più rigida di molle e ammortizzatori, oppure gli ammortizzatori adattivi a controllo elettronico. Tramite il sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, il conducente può armonizzare al programma di guida selezionato – sono disponibili i setting comfort, auto, dynamic, efficiency e individual – l'erogazione del motore, la taratura del cambio S tronic, dello sterzo e degli ammortizzatori.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti