0/0Politica

Nuova legge elettorale / Consultellum


default onloading pic
Palazzo della Consulta (Ansa)

E' il sistema elettorale di fatto attualmente in vigore, anche se ancora mai passato alla prova delle urne. E' l'effetto delle due sentenze della Corte costituzionale (dal Palazzo della Consulta, dove ha sede la Corte, deriva il nome Consultellum) : quella del gennaio 2014 che ha modificato il Porcellum eliminando il premio di maggioranza e le liste bloccate, e quella del gennaio 2017 che ha modificato l'Italicum, eliminando il ballottaggio. Alla Camera è attribuito un premio di maggioranza che permette di raggiungere il 55% dei seggi alla prima lista (non sono previste coalizioni di liste) che supera il 40% dei voti. Se nessuna lista supera il 40%, i seggi vengono ripartiti su base proporzionale tra le liste che superano il 3%. Restano i 100 capilista bloccati dell'Italicum. Al Senato è in vigore un proporzionale puro su base regionale. Restano in vigore le soglie di sbarramento del Porcellum: 8% per le liste singole, 3% per quelle coalizzate (a patto che la coalizione superi il 20% su base regionale). I seggi sono attribuiti ai candidati in base al una unicas preferenza. E' un sistema che prevede due meccanismo molto disomogenei tra Camera e Senato (premio di maggioranza contro proporzionale puro, capilista bloccati contro preferenza unica, liste contro coalizioni di liste), per questo il capo dello Stato Sergio Mattarella ha chiesto ai partiti di adoperarsi per uniformare i sistemi.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...