test drive

Nuove frontiere tecnologiche per la madre di tutte le ammiraglie

La settima generazione del modello di Stoccarda fa il pieno di innovazioni: guida autonoma, powertrain ibridi, sistemi digitali e interfacce uomo-macchina intelligenti

di Mario Cianflone

Mercedes Classe S, la nuova ammiraglia hi-tech

3' di lettura

È un cambiamento radicale e profondo, con un’accelerazione forte verso la tecnologia che propone la nuova generazione di Mercedes Classe S. Un modello che rappresenta da 50 anni lo stato dell’arte automobilistico della stella a tre punte, quello che storicamente ha portato al debutto tecnologie rivoluzionarie (l’Abs nel 1978 per esempio) poi rese disponibili per tutti. E ora la settima generazione (W 223) conferma la sua vocazione di ammiraglia hi-tech e torna a sfidare le rivali storiche: Bmw Serie 7 e Audi A8. Siamo andati a guidarla (anche se il posto migliore è quello del passeggero posteriore) a Stoccarda, su strade e autostrade e anche nella pista del centro prove di Immendingen per vedere sul campo come si destreggia con la guida autonoma di livello 3 (ammessa in Germania in alcune strade).

L'auto che parcheggia da sola con un'app

E abbiamo anche visto come parcheggia da sola, senza conducente a bordo, e si riconsegna nelle mani del proprietario. Basterebbe questo per restare stupiti. Lo stile della carrozzeria, morbidamente classico, è aderente al design minimal delle ultime Mercedes. Ovviamente le dimensioni sono da madre di tutte le ammiraglie: è lunga 5,18 metri, ma la versione Lwb sfiora i 5,29 metri.

Loading...

Basta salire a bordo per capire che è cambiato tutto: la tecnologia digitale ha permesso di realizzare una plancia lineare e pulita, dove al centro spicca il gigantesco display Oled da 12.8” che si sviluppa dalla console centrale. Il cruscotto è totalmente digitale, personalizzabile e offre una visualizzazione 3D. E se non bastasse c’è anche un head-up display a colori in realtà aumentata che è il nuovo riferimento di settore: proietta davanti al guidatore l’equivalente di uno schermo da 77 pollici.

La Classe S, porta al debutto la seconda generazione del sistema di interfaccia uomo-macchina Mbux (la prima aveva debuttato nel 2018 sulla Classe A). È stato migliorato l’assistente vocale Hey Mercedes (noi però continuiamo a preferire Google Assistant, Alexa e Siri) e soprattutto è stata introdotta una tecnologia che, grazie a telecamere interne e a un sistema intelligente (basato su machine learning) è capace di interpretare i movimenti della testa e delle mani attivando determinate funzioni della vettura, compreso l’Energizing Coach che regola automaticamente clima, illuminazione e la musica se rileva affaticamento del guidatore.

Display e tablet anche per i posti posteriori, in pratica due poltrone da business class. I firmware dei sistemi di bordo di aggiornano in Ota (Over the Air) cioè online come gli smartphone. Altre innovazioni riguardano la sicurezza: gli Adas (Advanced Driver Assistance Systems), come accennato, abilitano la guida autonoma di livello 3 (sui 5 previsti dalla scala Sae). Ci sono speciali airbag posteriori e in caso di urto laterale, la vettura si rende conto di un impatto imminente e prima che questo avvenga, solleva idraulicamente di 7 centimetri la carrozzeria per mitigare gli effetti. Rivoluzionari i fari che sfruttano la tecnologia “Digital Light”, in grado di proiettare sull’asfalto segni di demarcazione o pittogrammi utili.

La cifra tecnologica dell’intero progetto è immediatamente percepibile al volante: l’auto è molto precisa, veloce e sembra essere sospesa su un tappeto volante. Molto agile nonostante la mole e la maneggevolezza può essere aumentata grazie alle ruote posteriori sterzanti in controfase di 10 gradi. Ampia la scelta dei powertrain. Due le versioni a benzina S 450 4Matic e S500 4Matic spinte da un 6 cilindri in linea 3 litri con due step di potenza: 367 e 435 cv. Si tratta di un’unità mild hybrid il cui sistema a 48 Volt EQ Boost eroga 22 cv e 250 Nm di coppia aggiuntivi.

Il prossimo anno sarà introdotta anche una motorizzazione plug-in hybrid (S580e) da 100 km di autonomia in elettrico. Non manca il diesel con due varianti: 350d da 286 cv e S 400d 4Matic da 330 cv. In Italia sono previsti 3 allestimenti (Business, Premium e Premium Plus) mentre il listino spazia da 107 a 138mila euro, optional esclusi e qui il conto può lievitare di molto.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti