Startup

Nuove idee a servizio dei viaggiatori post Covid e degli albergatori

Innovazione

di Valeria Zanetti

3' di lettura

La ripartenza del turismo passa attraverso l’utilizzo della tecnologia e dalle proposte innovative, in arrivo da una miriade di startup, nate a NordEst anche durante il periodo di emergenza sanitaria. Molte sono tarate sulle nuove esigenze delle imprese, con l’obiettivo di cercare di assistere il gestore della struttura ricettiva o della catena alberghiera nel rendere gli ambienti sicuri, conseguire risparmi o formulare l’offerta di soggiorno più vantaggiosa. Ma c’è anche chi ha fatto nascere la propria impresa partendo dal bisogno diffuso di socializzare, promuovendo occasioni di incontro come viaggi o gite per intessere nuove relazioni. Un bisogno cresciuto in questi mesi di isolamento.

La prima regola in tempi di vacanze organizzate all’ultimo minuto e con molta attenzione al portafoglio è allettare il potenziale cliente con il prezzo. Un contributo in questo senso viene da Smartpricing, startup di Rovereto, nata nel gennaio dell’anno scorso, che aiuta gli albergatori ad aumentare il fatturato dei loro hotel, case vacanze e b&b, attraverso un software capace di analizzare i dati di vendita precedenti e suggerire l’offerta più performante. Le tariffe, regolate da un algoritmo, diventano dinamiche per permettere un aumento dell’occupazione delle camere a seconda del periodo, della richiesta e delle tendenze espresse dalla clientela.

Loading...

I risultati per chi ha adottato il software, ad oggi 160 strutture, non si sono fatti attendere. Sono molte le imprese ricettive, soprattutto della sponda trentina e veronese del Garda, che hanno creduto da subito nella proposta innovativa e hanno registrato aumenti del fatturato fino al 20%. «Finora solo le grandi catene alberghiere hanno potuto avere accesso a questo tipo di tecnologie. Noi invece, abbiamo ideato una soluzione alla portata anche delle piccole e medie strutture», commenta Tommaso Centonze, cofondatore di Smartpricing.

Altro requisito indispensabile è garantire la sicurezza durante il soggiorno. The Data Appeal Company, fondata da Mirko Lalli nel Campus di H-Farm, nel Trevigiano, si è dedicata per tempo ad identificare strumenti per supportare il rilancio del settore travel e ha creato il Covid safety index, un indicatore elaborato attraverso un sistema di intelligenza artificiale, che misura l’efficacia delle azioni intraprese dalle aziende e la fiducia suscitata nei clienti. Le funzioni consistono nel monitoraggio delle misure assunte dall’hotel, ristorante, museo come sanificazione, code, sicurezza, tempi di attesa; nella misurazione della soddisfazione del cliente; nella possibilità di sviluppare analisi predittive, anticipando quindi le tendenze del mercato e le aspettative dei consumatori. «È un indicatore che torna utile per tutte le attività rivolte al pubblico», afferma Lalli.

Per chi è alla guida di hotel e catene alberghiere risultano importanti il risparmio energetico e il controllo dei costi. Inseguendo questa mission, Vda Group, multinazionale pordenonese specializzata nel room management system per il settore dell’ospitalità con sedi in Italia, Gran Bretagna, Emirati Arabi e Asia, ha lanciato Ethos, piattaforma di quinta generazione che attraverso il cloud gestisce da remoto e in maniera centralizzata tutti i dispositivi presenti nelle camere d’hotel - finora oltre 3mila strutture tra ricettive, ospedaliere, commerciali e navi - assicurando efficienza e ottimizzazione delle funzionalità, con un impatto diretto sui costi. Ethos, inoltre, raccoglie i Big Data riguardanti il cliente e analizza le sue preferenze, che possono essere memorizzati e messi a disposizione in occasione di un suo nuovo soggiorno.

Infine, c’è chi fa impresa scommettendo sulla voglia di intessere relazioni. I veronesi Davide Zanon e Claudio Perlini, nel 2017, e quindi ben prima dell'emergenza sanitaria, hanno ideato Meeters, community di viaggi ed esperienze condivise alla scoperta delle perle nascoste del Bel Paese. Versando una quota annuale, che vale come iscrizione al circuito e automaticamente al gruppo chiuso di Fb, si rimane aggiornati sulle iniziative in piattaforma, che anche in pandemia ha continuato a crescere, facendo proseliti in tutta Italia. Meeters propone visite guidate, passeggiate, aperitivi e vacanze, a un pubblico sempre più vasto, spesso suddiviso per fasce d’età.

La startup della socialità è attualmente nella rosa delle quattro nordestine e delle 16 nazionali in procinto di entrare nel percorso di accelerazione proposto da Gruppo Intesa Sanpaolo, B Heroes ed Elite, per mettere in contatto le imprese innovative con diverse fonti di capitale e facilitarne la crescita.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti