ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDIARIO DI BORDO DELL’ECONOMIA - CENTRO STUDI TAGLIACARNE

Nuove imprese, societÀ di capitali sotto la media

2' di lettura

Nel primo semestre del 2022, il nord-ovest ha registrato 18.924 nuove imprese iscritte, rappresentando il 10,3% circa del totale delle iscrizioni avvenute in Italia (le quali ammontano a 184.558). Le imprese del nord-ovest iscritte nel semestre considerato sono localizzate in prevalenza nella regione Piemonte (13.569, ossia il 71,7%). Questo dato non risulta particolarmente sorprendente considerando che in tale regione vi sono diverse aree con un’importante vocazione imprenditoriale. In Liguria troviamo, invece, 4.993 nuove imprese (il 26,4%), mentre la Valle d’Aosta ne registra 362 (l’1,9%). Analizzando il tasso di natalità delle imprese emerge come il nord-ovest abbia una natalità leggermente superiore rispetto a quella media nazionale (3,1% contro il 3% nazionale). A livello regionale troviamo una sostanziale omogeneità, con tutte le regioni che mostrano un tasso di natalità che gravita attorno al 3%. Nello specifico, il dato migliore è quello registrato dal Piemonte (3,2%), seguito dalla Liguria (3,1%) e, infine, dalla Valle d’Aosta (3%). Nessuna di queste regioni mostra, quindi, un dato inferiore a quello medio nazionale.

LA FOTOGRAFIA
Loading...

Disaggregando il dato per forma giuridica di impresa al fine di poter analizzare la natalità delle società di capitali, è possibile porre in risalto come nel nord-ovest siano state iscritte 3.982 imprese che assumono la forma di società di capitali, ovvero il 21% delle imprese iscritte nel II semestre del 2022. Si tratta di un dato inferiore a quello medio nazionale, il quale si attesta al 32,1%. A livello regionale è la Liguria a mostrare il tasso di natalità delle società di capitali più elevato (23,6%), seguita dal Piemonte (20,2%), mentre la Valle d’Aosta è il fanalino di coda (16%). Un ulteriore focus è effettuato sull’imprenditorialità giovanile. Analizzando la percentuale di imprese giovanili iscritte sul totale delle imprese giovanili è possibile porre in risalto come il nord-ovest mostri un dato (31,3%) superiore rispetto alla media nazionale (29,4%). Per quanto concerne il livello regionale, è il Piemonte la regione con il miglior tasso di natalità delle imprese giovanili (31,8%). Le differenze con le altre regioni non sono, tuttavia, particolarmente sensibili, tenuto conto di come la Valle d’Aosta registri un tasso del 31,6% e la Liguria del 29,5%. Concentrandoci sulle società di capitali, emerge come il nord-ovest abbia una percentuale di imprese giovanili iscritte sotto forma di società di capitale sul totale imprese giovanili iscritte (10,6%) che è sensibilmente inferiore a quella nazionale (19,7%). L’ultimo indicatore da considerare per completare il quadro sull’imprenditorialità giovanile è la percentuale delle società di capitale e di persona a presenza esclusiva di under 35 sul totale imprese giovanili in forma di società di capitale e di persona. In questo caso, il nord-ovest, così come tutte le regioni che compongono tale area, mostra un dato superiore alla media nazionale (90,2 contro l’87,4% registrato a livello nazionale).

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti