Emergenza Covid

Nuove regole per la quarantena, che cosa può cambiare e da quando

Il Cts è stato convocato il 29 dicembre per un parere sull’ipotesi di ridurre la quarantena per i contatti stretti che abbiano già ricevuto la terza dose del vaccino: potrebbe essere ridotta tra i tre e i cinque giorni (rispetto ai sette attuali)

Aggiornato il 28 dicembre alle 17:26

Coronavirus e festività, ecco le nuove restrizioni allo studio per Capodanno

3' di lettura

Di fronte al boom di contagi, con una stima di 2,5 milioni di persone in quarantena, la quarta ondata del Covid, segnata dalla rapida diffusione della variante Omicron (nel giorno di Natale era già responsabile del 45% degli oltre 54.000 casi individuati), rischia di “paralizzare” l’Italia, con picchi che potrebbero toccare i 10 milioni di persone in isolamento, come ipotizza l’infettivologo dell’Ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti.

Il 29 dicembre arriva parere Cts su quarantena breve

Per scongiurare questo rischio è partito un forte pressing dei governatori delle regioni per ridurre la durata della quarantena per chi ha ricevuto la terza dose del vaccino. Una proposta già arrivata sul tavolo del governo e che mercoledì 29 dicembre sarà valutata dal Comitato tecnico scientifico. La quarantena per i vaccinati con terza dose potrebbe essere ridotta tra i tre e i cinque giorni per i contatti stretti. Attualmente la quarantena per un vaccinato venuto in contatto con un positivo è di 7 giorni (e di 10 giorni per un non vaccinato).

Loading...

Al ministero della Salute, dove tradizionalmente prevale la cautela, si punta per ora a ridurre a 5 giorni (oggi sono 7) la quarantena dei contatti stretti dei positivi se vaccinati. Ma c’è chi spinge per ridurla ulteriormente o addirittura abolirla per chi ha fatto terza dose.

Regioni a Cts,tracciamento saltato,nuove norme quarantena

Sarà inviato domani dalle Regioni un documento indirizzato al Cts che contiene una serie di richieste sulla gestione dell’autoisolamento, in cui si chiede l’azzeramento della quarantena per le persone che hanno copertura vaccinale, in particolare quelle con terza dose effettuata. Le modifiche auspicate - a quanto si apprende da fonti che hanno stilato il documento - sono necessarie alla luce di uno stravolgimento del sistema di contact tracing, ’saltato’ in diversi territori, che rende appunto necessario un superamento delle attuali regole delle quarantene.

Il pressing dei governatori di centrodestra

Tra i principali sostenitori della quarantena breve c’è il governatore della Liguria, Giovanni Toti, che peraltro auspica anche l’allargamento dell’obbligo vaccinale. Quello, cioè, che potrebbe essere il prossimo step dopo la riduzione della quarantena. «Bisogna cambiare le regole al più presto prima che si blocchi un intero Paese», dice Toti rilanciando le dichiarazioni dell’infettivologo dell’Ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti. «Andiamo verso circa 100mila contagi al giorno e questo succederà credo a brevissimo - le sue parole - e allora 7-10 giorni di isolamento, quarantena, vogliono dire un milione di persone che finiranno in isolamento; considerando poi che mediamente ognuno di questi ha avuto 5, qualche volta 10 contatti, il rischio è di avere nel giro di 7-10 giorni 10 milioni di persone in isolamento, in quarantena. Non ce lo possiamo permettere».

Chi sono i contatti stretti

Al momento, infatti, per rientrare tra i “contatti stretti” basta una stretta di mano o, per esempio, la permanenza in un luogo chiuso senza la mascherina con una persona risultata poi positiva. Situazioni sempre più all’ordine del giorno, soprattutto nelle scuole italiane, come dimostra la diffusione del contagio tra i più piccoli. «Condivido la revisione delle regole della quarantena - è il parere anche del presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga - che andrebbe ridotta o tolta soprattutto per quelli che hanno la terza dose. Dobbiamo garantire la sicurezza sanitaria ma al contempo non dobbiamo bloccare il Paese». Concorde anche il presidente del Veneto, Luca Zaia, secondo il quale «è ragionevole cominciare a fare una riflessione sulla quarantena per il vaccinato».

Tra i sostenitori della mini quarantena c’è anche la Fondazione Gimbe. «Chi ha fatto il vaccino con la terza dose - sostiene il presidente, Nino Cartabellotta - è più difficile si contagi e quindi bisognerebbe rivedere le regole per questa categoria. La persona vaccinata anche con terza dose deve vedere la sua quarantena ridotta».

Opinioni diverse nel governo

A confermare le previsioni sull’impennata dei casi, fino a 100 mila al giorno, è anche il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, che si dice d’accordo con la revisione della quarantena «ma non subito». «Credo - dice - che sia auspicabile ma potrebbe essere anche tra 7-10 giorni, con l’anno nuovo, probabilmente prima della riapertura della scuola», quando cioè potrebbe arrivare il parere del Cts. Frena, invece, il consigliere scientifico del ministero, Walter Ricciardi. «Un’eventuale decisione sulle modalità di quarantena - chiarisce - si prende in base ad una modellistica precisa, ossia calcolando che impatto avrebbe sulla circolazione del virus e sul Servizio sanitario nazionale. Bisogna comportarsi di conseguenza e non sulla base delle sensazioni».

Ipotesi revisione sistema colori

Non è escluso intanto che l’eventuale rimodulazione del tempo di isolamento, in considerazione di una mutata situazione epidemiologica dovuta soprattutto a Omicron, possa portare anche alla revisione dei colori delle regioni, magari restringendo i provvedimenti a territori più circoscritti, come le province.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti