ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDopo oltre due anni

Nuovo ambasciatore Usa in Italia, Biden verso la nomina di Jack Markell

Il suo predecessore, Lewis Eisenberg, nominato da Donald Trump, aveva completato il mandato il 17 gennaio 2021

Biden scherza sull'eta', stoccate a Trump e Murdoch

2' di lettura

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avrebbe individuato il nuovo ambasciatore in Italia: secondo indiscrezioni rimbalzate a Washington, si tratterebbe di Jack Markell, 62 anni, attuale ambasciatore Usa all’Ocse ed ex governatore dal 2009 al 2017 del Delaware, lo Stato del presidente. Un suo uomo di fiducia, quindi. Se la scelta verrà confermata dal leader della Casa Bianca e poi al Senato, la sede diplomatica di Roma avrà così di nuovo un ambasciatore dopo oltre due anni, anche se i tempi tecnici di conferma al Congresso con ogni probabilità non gli consentiranno di gestire l’attesa visita della premier Giorgia Meloni alla Casa Bianca.

Il suo predecessore, Lewis Eisenberg, nominato da Donald Trump, aveva completato il mandato il 17 gennaio 2021 e da allora gli Stati Uniti sono stati rappresentati dall’incaricato d’affari Shawn Crowley. Con la nomina di Markell si concluderebbe una lunga attesa, che aveva creato non poco imbarazzo sulle due sponde dell’Atlantico. La sede era rimasta “congelata” a lungo perché si ventilava che potesse essere l’approdo di Nancy Pelosi dopo le elezioni di Midterm, quando si prevedeva una sonora sconfitta dem. Invece il partito dell’Asinello si è difeso bene e la speaker ha preferito mantenere il suo seggio e il suo ruolo di mentore dietro le quinte, complice anche l’aggressione in casa del marito da parte di un fanatico di destra.

Loading...

Il ritratto

Sposato con due figli, master in business administration all’Università di Chicago, Markell ha iniziato la sua carriera dirigenziale lavorando come banchiere alla First Chicago Corporation, poi è diventato consulente alla McKinsey & Company, quindi vicepresidente senior della Fleet Call - poi Nextel Communications - e infine manager a Comcast.

La sua carriera politica invece è cominciata come tesoriere del Delaware (dal 1999 al 2009), di cui poi è diventato governatore per due mandati (2009 al 2017), il primo ebreo di quello Stato. Il figlio di Biden, Beau, prima di morire di cancro al cervello nel 2015, era procuratore generale del Delaware e intendeva candidarsi a succedergli. «Se avesse corso, avrebbe vinto. E se avesse vinto sarebbe stato un governatore bravissimo», disse di lui Markell.

Nell’agosto del 2021, durante l’evacuazione di civili afghani dopo il ritiro degli Usa dal Paese, fu nominato coordinatore della Casa Bianca della “Operation Allies Refuge”, un programma per aiutare i rifugiati a reinsediarsi negli Stati Uniti. Due mesi prima Biden lo aveva già nominato ambasciatore Usa all’Ocse e il Senato aveva approvato agevolmente la scelta: un precedente che dovrebbe spianargli la strada ad una rapida conferma come ambasciatore a Roma.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti