l’attacco nei pressi di idlib

Nuovo raid aereo russo in Siria: è ancora strage di civili

default onloading pic
(Ap)


2' di lettura

Un attacco aereo russo nella provincia di Idlib, nei territorio nordoccidentali della Siria, ha portato alla morte di almeno sei persone e al ferimento di diverse decine, con un’altissima incidenza di donne e bambini tra le vittime. Stando alla ricostruzione dei Caschi Bianchi, i volontari della Syria Civil Defence, i raid avrebbero colpito le località di El-Nukayyer e Oreynibe, nei pressi della città di Khan Sheikhoun, già interessata dal sospetto attacco chimico il 4 aprile del 2017. Secondo la ricostruzione dei Caschi Bianchi, a lavoro sulle operazioni di soccorso, gli attacchi sarebbero stati eseguiti da jet russi.

Da diversi giorni l’aviazione russa ha ripreso le incursioni a Nord Ovest della Siria, tanto è vero che soltanto due giorni fa un cacciabombardiere Su-30 è precipitato in mare per problemi tecnici. L’opposizione siriana pronostica un’imminente offensiva di terra, come quella che si verificò alla periferia di Damasco due mesi fa, e teme anche «nuovi attacchi chimici», come quello del 2017 a Khan Sheikhoun e quelli più recenti nella periferia di Damasco.

Non è comunque semplice districarsi sul fronte siriano nordoccidentale. La zona di Idlib è divisa fra due schieramenti ribelli in lotta fra loro. Le camgne di Idlib e la stessa Khan Sheikhoun sono controllati dai miliziani islamisti di Hayat al-Tahrir al-Sham, movimento discendente dall’Al-Qaeda siriana, poi divenuta Al-Nusra e di nuovo «rinominata», così da reclutare pure combattenti meno estremisti. A questo schieramento si contrappongono gruppi alleati della Turchia, come Ahrar al-Sham che hanno collaborato con l’esercito turco nell’occupazione del cantone di Afrin e di parte della provincia di Idlib.

Secondo la posizione russa, gli interventi di questi giorni colpiscono soltanto «gruppi terroristici» e quindi non violerebbero gli accordi con la Turchia. La stessa Ankara ha dato un ultimatum al gruppo jihadista Hayat al-Tahrir al-Sham perché «si sciolga» e faccia confluire i suoi combattenti meno estremisti nelle formazioni sotto controllo turco. In provincia di Idlib è quindi in corso anche una guerra civile nella guerra civile, fra ribelli islamisti e no.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti