La rivendicazione del patron della Lazio

Nuovo stop al seggio per Lotito: polemiche e scambi di accuse al Senato

Ritorna in Giunta per le elezioni, dove era già stato esaminato per circa tre anni, il caso del seggio di palazzo Madama contestato dal presidente della Lazio, candidato alle ultime elezioni con Forza Italia

Lotito: "Giampiero Galeazzi era in grado di trasmettere emozioni vere. Gli siamo grati"

3' di lettura

Nuovo stop per il presidente della Lazio Claudio Lotito, per la sua ’rivendicazione’ di un seggio da senatore. Ritorna in Giunta per le elezioni, dove era già stato esaminato per circa tre anni, il caso del seggio del Senato contestato da Claudio Lotito, candidato alle ultime elezioni con Forza Italia. L’aula di palazzo Madama lo ha stabilito stamattina, dopo due votazioni di cui una, quella decisiva, a scrutinio segreto.

Resta sullo scranno il senatore renziano Carbone

Resta sullo scranno del Senato Vincenzo Carbone, renziano di Italia viva, eletto nello stesso seggio in Campania. «Poiché tutti gli atti sono rinviati alla Giunta delle elezioni - ha spiegato la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati - è evidente che permane il senatore Vincenzo Carbone fino a che non saranno effettuati gli accertamenti richiesti dall'odg adesso approvato».

Loading...

L’esito della contesa sembrava scontato, poi lo stop

L’esito della contesa sembrava scontato dopo che la Giunta per le elezioni, il 24 settembre scorso, aveva annullato l’elezione di Carbone e disposto il subentro di Lotito al termine di una istruttoria durata tre anni. Ma non è andata così, con l’aula di palazzo Madama che prima ha detto no, con voto palese, a un ordine del giorno che chiedeva una sospensiva dell’esame del caso. Poi, a scrutinio segreto, è invece stato approvato un altro Odg presentato da Leu che con 155 voti a favore, 102 contrari e 4 astenuti ha disposto il riesame del caso da parte della Giunta. Subito è stata polemica e non sono mancati gli scambi di accuse tra i gruppi parlamentari.

Il primo voto nei tabulati

Dai tabulati del Senato, che riguardano però solo il voto del primo Odg sulla sospensiva risulta che a votare no nel Pd sono stati Bruno Astorre, Paola Boldrini, Mauro Antonio Laus, Salvatore Margiotta, Tatjana Rojc, Vito Vattuone e Luigi Zanda. I protagonisti, sentiti da AdnKronos hanno negato ogni retroscena di natura politica o calcistica: «Mi hanno convinto le ragioni della Giunta. Io, poi, sono milanista», ha spiegato Astorre. «L’aula si doveva pronunciare sul caso, non era accettabile approvare una sospensiva», ha chiarito Vattuone. Ai colleghi che le hanno chiesto, la Rojc si è limitata a dire: «Si, è vero, ho votato no». Per quel che riguarda Zanda, poi, il suo voto sarebbe in espressione di coerenza: tutti i colleghi raccontano di un precedente intervento in cui il senatore dem, sul filo del diritto e dei regolamenti parlamentari, ha argomentato l’importanza e la necessità di una decisione dell’aula su una elezione contestata.

La schermaglia in aula

Il ’caso Lotito’ non si è esaurito solo alle schermaglie tra Iv e Pd, ma si è allargato anche ad altri gruppi anche di centrodestra, di cui il presidente della Lazio è virtualmente parte. Sempre secondo i tabulati, nel voto sulla sospensiva risultano a verbale i no di senatori appartenenti a diversi gruppi a partire da Fratelli d’Italia, Lega e alla stessa Forza Italia e poi anche Misto e Autonomie (tra cui Pier Ferdinando Casini). «Ma quale caso Lotito? Prima di parlare di Lotito bisogna parlare della decadenza di Carbone», ha detto all’Adnkronos il senatore azzurro Giacomo Caliendo: «Con l’ordine del giorno approvato oggi sono stati chiesti ulteriori accertamenti sulla posizione di Carbone. Quindi, dobbiamo prima discutere della eventuale decadenza di Carbone e poi parleremo di Lotito».

Decisivo l’odg della senatrice De Petris

Decisivo un ordine del giorno proposto da Loredana De Petris, capogruppo del gruppo Misto e approvato dall’aula del Senato che di fatto congela la decisione della Giunta delle elezioni e immunità che precedentemente aveva riconosciuto lo scranno a Lotito. Nell’ordine del giorno - che ha avuto 155 sì, 102 no e 4 astenuti - si chiede il rinvio del caso alla Giunta per rettificare i dati elettorali di proclamazione dei seggi.

Renzi: «Siamo felicissimi»

«Siamo felicissimi», ha commentato Matteo Renzi, senatore e leader di Italia viva, in aula al momento del voto dell’ordine del giorno che ha archiviato il ricorso del patron della Lazio, «Sono contento - ha commentato il renziano Vincenzo Carbone - perché la presidente del Senato mi ha permesso di poter parlare in aula e sono contento che la maggior parte dei senatori abbia capito le mie ragioni». E ha ricordato la sua esperienza politica di consigliere comunale, assessore, sindaco in cui «non c’è una macchia e sbavatura sul mio operato - ha sottolineato in Aula - e dovermi trovare in questa situazione mi comporta tanto disagio, specie doverlo spiegare ogni giorno ad amici, elettori e figli. Mi auguro che nessuno di voi possa fare questa esperienza». Ha ricordato che «la Giunta ha chiesto alcune schede di alcuni seggi per riesaminarle ma per metà di questi seggi mancano le schede perché distrutte e non certo l’ho fatto io, non avevo questo potere. Tuttavia, nonostante questo fatto così serio, la Giunta aveva deciso di andare avanti e per me è stato un colpo al cuore».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti