in passerella

Nyfw, show sbiaditi (come il sistema)

La fashion week è apparsa fiacca, specchio della stanchezza generale del sistema. Fa eccezione Marc Jacobs

di Angelo Flaccavento

(REUTERS)

2' di lettura

V ista da Milano, la fashion week newyorkese che si è conclusa mercoledì è apparsa alquanto fiacca e invero pallida: lo specchio di una stanchezza generale del sistema. Le righe che seguono sono state scritte in remoto: notazione importante perché una sfilata di moda appare completamente diversa dal vivo o in foto, o anche in streaming.

Ad esclusione della scorrazzata di Marc Jacobs tra perbenismi pastello anni sessanta e i suoi personali anni novanta, riproposti pari pari ma riletti con coreografia elettrizzata di Karole Armitage - e certo lí esserci avrebbe fatto la differenza - non è successo granchè.

Loading...

Tom Ford, presidente del Cfda (la camera della moda americana), la sua visione di glamour pigro l’ha presentata a Los Angeles in concomitanza con i giorni degli Oscar, mettendo i propri commerci con lo star system davanti al far sistema, di fatto esautorando il fronte newyorkese, e questa certo è una notizia da valutare. Come è da riconoscere, in tutta franchezza, che New York mai ci ha davvero graziato con visioni di assoluta originalità. In un modo o nell'altro, quel che esce dalla Grande Mela echeggia, o proprio scimmiotta, formule note.

Marc Jacobs,  brividi barocchi fra anni 60 e 90

Marc Jacobs, brividi barocchi fra anni 60 e 90

Photogallery19 foto

Visualizza

I discepoli e gli epigoni di Phoebe Philo, ad esempio, non si contano: vanno dai capaci come Peter Do e Gabriela Hearst ai furbi che mescolano di tutto e lo servono con uno styling ad alto impatto come i Proenza Schouler, che nel mix mettono anche dosi liberali di Versace - Gianni, non Donatella.

Da Carolina Herrera, il pur brillante Wes Gordon propone volumi immensi e una eleganza piena di grazia che sono infatti la sigla di Pierpaolo Piccioli per Valentino. Lo fa con gusto e sensibilità, ma il debito è fin troppo evidente. Le sorelle Mulleavy, da Rodarte, inclinano verso una voluttà barocca che sa un po’ troppo di Dolce&Gabbana, mentre le gemelle Olsen di The Row, paladine di un iperlussuoso monachesimo vestimentario che è quanto di più wasp la moda americana proponga al momento, attualizzano un minimalismo molto italiano che va da Armani ad Agnona.

Michael Kors, l’incontro fra glamour e confort

Michael Kors, l’incontro fra glamour e confort

Photogallery19 foto

Visualizza

Certo, lo rendono desiderabile e lo servono con una concisione che va dritta al punto, ma il miracolo pare ben lontano dal realizzarsi. La scena è polarizzata tra il caos baraccone e sorprendente dei kid – i vari Vaquera, Area, Eckhaus Latta – e l’establishment che si ripete giocando sicuro, Michael Kors e lo stesso Jacobs. Dappertutto, messaggi inclusivi e politici. Però, manca la moda. La carovana da oggi si sposta a Londra.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti